NewsEnergia & MercatoStakeholder energiaIbl-istituto Bruno LeoniElettricità

Energia – Ddl Concorrenza approdato in Aula: che ne sarà della “maggior tutela”

    ENERGIAENERGIA
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    | Ddl Concorrenza approdato in Aula: che ne sarà della “maggior tutela”

    Finito l’esame del disegno di legge sulla concorrenza nelle commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera, il testo è approdato oggi, 21 settembre 2015, in Aula.

    STOP AL REGIME DI “MAGGIOR TUTELA” NEL SETTORE DELL’ENERGIA ELETTRICAENERGIA ELETTRICA
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.

    L’articolo 19-bis ripropone l’originaria previsione che eliminava dal 2018 il regime di “maggior tutela” nel settore dell’energia elettrica (ex art. 20), ma inserisce il rispetto di una serie di disposizioni relative alla comparabilità delle offerte (art. 19-ter), alla verifica delle condizioni della piena liberalizzazione (art. 19-quater) e alle comunicazioni obbligatorie (art. 19-quinquies) che devono essere attuate prima della fase del passaggio definitivo alla piena liberalizzazione.
    L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico disciplina le misure volte a garantire la fornitura del servizio universale.


    «La tanto attesa piena liberalizzazione dei prezzi dell’energia è posta sub judice.

    L’addio definitivo al mercato tutelato, previsto per il 2018, è stato subordinato a un rapporto che l’Authority dell’energia dovrà consegnare al MISE entro l’aprile del 2017. E basterà il mancato rispetto solamente di una delle cinque condizioni imposte dal provvedimento (che comunque rispecchiano obblighi previsti dalle direttive Ue) per il passaggio da un operatore all’altro perché la fine della “maggior tutela” slitti di altri sei mesi a partire dal gennaio 2018.

    Verrà adottato già da subito, tuttavia, un sistema di confronto dei prezzi che possa agevolare i consumatori nei prossimi due anni, mentre le principali società attive nel mercato dell’energia elettrica e del gas dovranno prevedere almeno un’offerta a prezzo fisso e una a prezzo variabile, così da consentire la confrontabilità dei propri servizi agli utenti.»

    Fonte: IBL

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button