NewsEfficienza & RisparmioIncentivi E Detrazioni FiscaliEnergia & MercatoPolitica EnergeticaRinnovabiliFotovoltaicoElettricità

ENERGIA: LA BUFALA DELLE RIDUZIONI DELLE TARIFFE

    Una vera e propria bufala che, ancora una volta, ricadrà sulle tasche delle famiglie“. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (www.consumatori.it), in merito alla notizia dell’approvazione da parte del Governo del provvedimento che ridurrebbe del 3% le tariffe elettriche, operando sull’abnorme costo degli incentivi  che gravano sulla bolletta dei clienti elettrici.

    Il Governo -spiega Pieraldo Isolani, responsabile del settore energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    dell’UNC- anziché intervenire per ridurre l’entità degli esagerati incentivi alle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    (specialmente quelli del fotovoltaico) che gravano per il 17,50% sulle bollette elettriche, ha pensato bene di emettere obbligazioni garantite dallo Stato. Con i soldi ricavati dalla vendita di queste obbligazioni si pagherebbero subito gli incentivi ai produttori di energia da fonti rinnovabili, sgravando dell’importo equivalente le bollette dei prossimi anni, ma spostando tali costi nelle bollette degli anni a venire
    “.

    Questa scelta, dunque -conclude l’esperto- anziché ridurre le ingiustificate rendite dei produttori di elettricità da fonti rinnovabili, provocherà ulteriori rincari (maggiorati dagli interessi da corrispondere agli acquirenti delle obbligazioni) che le famiglie e gli altri clienti elettrici pagheranno per ulteriori 10 anni. Si tratta, forse, dell’ennesimo stratagemma per caricare sulle futurefuture
    Contratto a termine standardizzato, stipulato all’interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l’obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
    generazioni ulteriori costi, generati dalle improvvide politiche degli anni passati?
    “.

    L’Unione Nazionale Consumatori fa appello al Parlamento affinché si rifiuti di approvare questo ingiusto provvedimento e, invece, decida di ridurre realmente i costi in bolletta degli incentivi alle fonti rinnovabili.

    Fonte: consumatori.it

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button