ArticoliOrizzontenergia.itStakeholder EnergiaSostenibilità EnergeticaSostenibilitàAutore: Orizzontenergia

Energia: la scelta ricade sulle rinnovabili

  • Autore: Orizzontenergia

EUREKA! ENTRA NEL VIVO CON I PRIMI RISULTATI SULLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA.

EUREKA! ENTRA NEL VIVO CON I PRIMI RISULTATI SULLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA.

Con Eureka! abbiamo misurato la sensibilità degli italiani alla sostenibilità energetica ed è emerso che, la quasi totalità, potendo scegliere, preferirebbe generare energiaenergia
Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
a partire dalle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
– il sole
– il vento
– l’acqua
– la geotermia
– le biomasse
. Scarso interesse invece per il termoelettrico.

 

Questa l’overview generale dei primissimi risultati sull’utilizzo di Eureka!, ma prima di addentraci ulteriormente nel merito di quanto emerso, ci sembra doveroso fare un passo indietro e spendere due parole su che cos’è Eureka! e qual è la sua utilità per chi non avesse seguito i precedenti capitoli della saga.

 

Logo Eureka!E’ L’ENERGY GAME SULLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA

Presentato presso il Senato della Repubblica lo scorso 28 ottobre, Eureka! nasce come uno strumento di simulazione che tramite un percorso virtuale sul web ti permette di generare virtualmente l’energia di cui hai bisogno nel luogo e nelle modalità che preferisci.

Che sia per una sola abitazione o per un intero condominio, per un piccolo comune o per una grande metropoli od anche per una grande impresa, una scuola o un piccolo bar, Eureka! ti accompagna, passo dopo passo, nella realizzazione di un impianto di generazione elettrica su misura per i tuoi fabbisogni energetici, aiutandoti ad operare scelte sulle caratteristiche dell’impianto che vuoi progettare, taglia e tecnologia, valutarne l’economicità e gli impatti sul territorio.

Il percorso virtuale di Eureka! è strutturato in modo tale che tu possa acquisire consapevolezza delle innumerevoli implicazioni che una scelta energetica comporta, non solo sull’ambiente e sul portafoglio, ma anche sulla società e sui beni paesaggistici, storici ed architettonici che ci circondano.

Eureka! deriva il suo nome proprio dalla presa di coscienza che questo Energy Game vuole infondere nei suoi users.

 

 

 

STORIE DI SOSTENIBILITA’ ENERGETICA: I PRIMI RISULTATI

Eureka! Ripartizione per tecnologia

I primi dati sull’utilizzo di Eureka! vedono trionfare, e di gran lunga, le rinnovabili. Il 99% degli users ha infatti simulato la realizzazione di impianti alimentati da fonti energetiche pulite.

Ad occupare la prima posizione delle tecnologie testate troviamo infatti il fotovoltaico su cui è stato effettuato il 29% delle simulazioni, segue l’eolico con uno scarto di soli 3 punti percentuali e la biomassabiomassa
In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende ” la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani “. Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
che ha totalizzato un punteggio del 19%. Testa a testa invece tra idroelettrico e biogasbiogas
Miscela di gas prodotti in seguito ad un processo di digestione anaerobica di materiale organico di origine vegetale e animale. Alcuni batteri provvedono a decomporre il materiale organico, in ambiente privo di ossigeno, producendo una miscela gassosa formata da metano (50÷70%), anidride carbonica (35÷40%) e tracce di altri gas. Le materie prime utilizzabili sono residui agricoli, zootecnici dell’industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui.
, che si aggiudicano rispettivamente il 13 e il 12%.
Decisamente di scarso appeal il termoelettrico che ha registrato solamente l’1% delle simulazioni svolte dagli users.

 

Se analizziamo invece le aree di localizzazione delle simulazioni svolte, lo strumento ha trovato maggior impiego nei territori del Centro Italia, ma in linea generale, come mostra il grafico, l’utilizzo è stato distribuito abbastanza uniformemente sul territorio nazionale.

Eureka! Ripartizione per area geografica

Centro Italia: Lazio, Marche, Toscana e Umbria

 

Venendo ai dati economici, i valori medi del costo dell’energia hanno oscillato in queste simulazioni degli utenti tra 0,12-0,17 euro/kWhkWh
Unità di misura dell’energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un’ora.
. In testa l’eolico ed il fotovoltaico, seguiti da idroelettrico, biomassa e biogas. Il dato sul carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
è frutto di un campione così esiguo da non essere significativo e comunque si è attestato su 0,08 euro/kWh.

Eureka! Risultati economici LCOE medio (€/kWh)

Sottolineiamo che il risultato economico è funzione delle condizioni che l’utenteutente
Soggetto che consuma elettricità o gas.
ha ipotizzato nel contesto geografico di sua scelta (ad esempio il numero di ore di funzionamento di un impianto eolico a potenza nominalepotenza nominale
Potenza massima a cui una macchina può funzionare in determinate condizioni, generalmente specificate dal costruttore.
per quel determinato sito od il suo costo di investimento). Il sistema lascia libero l’utente di inserire i dati che ritiene più aderenti alla sua realtà, pur fornendogli valori tipici e criteri di valutazione elaborati dal Comitato Tecnico Scientifico e validati dal Comitato di Indirizzo.

 

E’ stato infine interessante analizzare i risultati sulla sostenibilità globale delle diverse fonti testate ovvero gli indici sintetici di Eureka! ottenuti nelle singole simulazioni.

Eureka! Indice sostenibilità globale

 

 

L’indice ha riassunto in sè i differenti impatti che nelle singole simulazioni la fonte selezionata si ipotizza possa aver generato su ambiente, economia e società, dopo aver condotto l’utente lungo un percorso di analisi in modo equilibrato e privo di preconcetti e riserve, mettendo in luce i punti di forza e debolezza delle diverse fonti nei contesti specifici.

 

Range sostenibilità globale Indice Eureka!Legenda Classe sostenibilità Indice Eureka!

E’ emersa la ampia variabilità di risultati, che come premesso, suggeriscono che non esiste una soluzione od una tecnologia per tutte le stagioni, ma che la tecnologia più adatta al sito specifico vada ricercata di volta in volta, in base alla sua vocazione, alle risorse disponibili, ai vincoli paesaggistici, all’ecosistemaecosistema
È l’insieme di tutti gli organismi viventi (animali e vegetali) presenti in un determinato ambiente e delle relazioni che intercorrono tra di loro e tra essi e il sistema fisico circostante.
, alle infrastrutture di rete esistenti sul territorio, ovvero tenendo conto di tutte e tre le dimensioni della sostenibilità.

Maggiori informazioni sulla metodologia di calcolo dell’indice Eureka! qui.

 

MA NON PENSERETE CHE SIA FINITA QUI!

Le prospettive future di Eureka!

Eureka! è stato concepito come strumento e mezzo per stimolare il confronto fra gli stakeholder del settore energetico-ambientale, al fine di realizzare una community dove promuovere una cultura condivisa dell’energia, come condizione utile alla creazione del consenso e di uno sviluppo sostenibilesviluppo sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo dell’ONU.
.

Attraverso un utilizzo più diffuso, particolarmente fra gli stakeholder maggiormente coinvolti nei processi di valutazione e pianificazione energetica, così come nelle scuole/università, Eureka! intende essere oggetto di ulteriori test, aggiornarsi, arricchirsi di nuovi elementi e promuovere momenti di confronto e dibattito costruttivo.

 


Dicono di Eureka!

 

CREDONO IN EUREKA!

 

Piero Fassino, Presidente ANCI «Un approccio che può essere un esempio virtuoso per la programmazione entrante, soprattutto per le tante regioni che hanno speso molto poco sui fondi 2007-2013 e su un obiettivo, quello della sostenibilità energetica ed ambientale, che ha una potenzialità elevata e che costituisce una preziosa opportunità di crescita per il Paese» 

 

G.B. Zorzoli, Presidente Onorario Coordinamento FREE e Docente al Master Energia e Ambiente dell’Università di Roma Tre «Prima di essere sfidante sotto il profilo tecnico-economico, il progetto Eureka lo è nell’obiettivo di creare collaborazione e sinergie fra competenze, storie, esperienze diverse in un settore di per sé complesso, come quello energetico»

 

Massimo Gallanti, Direttore Sviluppo dei Sistemi Energetici – RSE «Eureka si presenta come un ambiente integrato nel quale l’utilizzatore è grado di svolgere facilmente simulazioni di tipo “what-if”, grazie alla disponibilità di strumenti di supporto quali mappe cartografiche, atlanti eolici, ecc, immediatamente accessibili all’interno dell’ambiente. Lo strumento permette di svolgere un’analisi “multi criterio” prendendo in considerazione obiettivi anche tra loro in conflitto»

 

Simone Togni, Presidente ANEV «Ritengo che far conoscere all’opinione pubblica quelli che sono i veri aspetti riguardanti gli impianti eolici e quindi una comunicazione trasparente e mirata alla divulgazione di dati e informazioni certe e scientificamente provate, sia un aspetto imprescindibile per favorire un’opinione positiva sull’eolico. Puntare su uno strumento come Eureka aiuterebbe molto gli opinion leader, ma anche la popolazione, a valutare la veridicità o meno di molte notizie che vengono fatte circolare sui media in materia di eolico e rinnovabili»

 

Gianmarco Paris, Docente di Sistemi Informativi Ambientali – Collegio Didattico Dipartimentale di Biotecnologie, Università degli Studi di Milano «La produzione di energia nel pieno rispetto dell’ambiente deve divenire la strategia portante per uno sviluppo sociale sostenibile: Eureka! vuole contribuire a rafforzare questa convinzione»

 

Arturo Lorenzoni – Docente di Economia dell’Energia ed Economia del Mercato ElettricoMercato Elettrico
Mercato dove si effettua l’acquisto e la vendita di energia elettrica attarverso un sistema di contratti bilaterali o attraverso la borsa elettrica. Il prezzo viene determinato dall’incontro tra la domanda e l’offerta di energia elettrica da parte dei vari operatori che vi partecipano.
, Università di Padova, IEFE 
«Ho aderito con convinzione al progetto Eureka, consapevole che la conoscenza e l’informazione nel campo delle tecnologie per la produzione di energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
 
non siano mai sufficienti. L’accettabilità sociale degli investimenti e la loro sostenibilità nel lungo periodo sono cruciali per uno sviluppo dell’offerta di energia e il progetto può fornire fattori di valutazione concreti agli amministratori pubblici ed ai cittadini»

 

Francesco Corvace, Funzionario Regione Puglia Alta Professionalità per la programmazione regionale in tema di energia e qualità dell’aria «Tool come Eureka sono imprescindibili non solo per la loro valenza intrinseca in quanto DSS, ma soprattutto in quanto correttamente orientati nel loro approccio al tema dell’energia in tutte le sue dimensioni di criticità e potenzialità»

 


 

Logo Eureka!Lo sviluppo di Eureka! è stato curato e coordinato da Orizzontenergia con il patrocino di ENEA, RSE, Politecnico di Milano, AIEE, assoRinnovabili, ANEV, Assocarboni, AIAT, UNC, CESI, Energia Concorrente e numerose altre realtà associative e accademiche nazionali.

Partner e patrocini

Per saperne di più visita il sito www.progettoeureka.it ed inizia subito la tua simulazione!

Tags
Show More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button