NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteStakeholder energiaUnione Nazionale Consumatori

Energia: reclami e bollette. Cosa fare?

    “Bollette gonfiate, doppia fatturazione e conguagli troppo alti: sono questi i reclami, in materia di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    , che arrivano più frequentemente agli sportelli della nostra associazione”. E’ quanto dichiara Marco Vignola, esperto del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori, in uno dei video realizzati dall’associazione e tradotti in Lingua dei Segni per le persone sorde, nell’ambito del progetto Formazione e solidarietà, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

    “Il settore dell’energia, purtroppo, è sempre in cima alle classifiche dei disservizi di cui sono vittime i consumatori -afferma Vignola-  il motivo è da ricondursi a due fattori: la mancata comunicazione dei dati dal distributoredistributore
    Soggetto proprietario e responsabile della rete di distribuzione locale (di elettricità o di gas) a cui sono allacciati direttamente gli utenti finali.
    al venditore e le offerte commerciali, non del tutto trasparenti, del mercato liberomercato libero
    Mercato in cui sia le imprese che producono sia le imprese che vendono energia elettrica operano in regime di concorrenza, stimolando una competizione che può portare benefici ai consumatori in termini di prezzi e qualità del servizio.
    . In entrambi i casi, i consumatori che riscontrassero delle problematiche devono: presentare un reclamo scritto alla società di vendita con i dati anagrafici e una breve descrizione del problema; se il reclamo non ha ottenuto riscontro, si può procedere, per alcune società, con la conciliazione paritetica, da avviare con l’ausilio di un’associazione di consumatori; se il consumatore non intende utilizzare la conciliazione paritetica, può presentare il reclamo all’Autorità per l’Energia attraverso lo Sportello del Consumatore: per farlo, però, deve aver presentato un reclamo scritto alla società e non aver ricevuto una risposta (o aver ricevuto una risposta non soddisfacente)”.

    “Un’altra difficoltà riscontrata da molti consumatori -aggiunge Vignola-  è la lettura della bolletta: tra dati, codici, termini tecnici e valori incomprensibile sembra un’impresa impossibile, ma ecco quali sono le informazioni fondamentali da controllare quando arriva la fattura a casa: il tipo di mercato, cioè Libero o Servizio di Maggior Tutela (per l’elettricità) e Servizio di Tutela (per il gas); la matricola del contatore per verificare che siano stati considerati i consumi effettivi; il tipo di lettura (se rilevata, comunicata dal cliente o stimata sulla base dei consumi abituali del cliente); se la bolletta è di acconto o di conguaglio e il periodo di riferimento; se la posizione del consumatore è in regola; gli indirizzi per il reclamo”.

    Fonte: UNC – Unione Nazionale Consumatori

    Potrebbe anche interessarti…

    News

    News

    News

    video (LIS): controversie energetiche e come leggere una bolletta

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button