NewsRinnovabiliStakeholder energiaOrizzontenergia.itNews: Energia e mercato

Energia: Rinnovabili, reti e digitalizzazione il futuro del gruppo Enel

    EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    : Nuovo piano strategico Enel, l’obiettivo è diventare sempre più green

    Presentato il piano industrialepiano industriale
    Il piano industriale è il documento che riporta le linee strategiche di un’impresa finalizzate al raggiungimento degli obiettivi economici e finanziari stabiliti. Vengono, infatti, descritte le azioni passate e future intraprese in tal senso, gli investimenti previsti e le performance aziendali attese.
    2019-2021 all’insegna della transizione energetica verso un mix di generazione sempre più legato alle rinnovabili. Previsti importanti investimenti anche su reti e processi di digitalizzazione. 

    E’ stato presentato oggi il nuovo piano strategico del gruppo Enel per il 2019-2021; dalla presentazione è emerso come Enel stia consolidando negli anni la propria leadership per quanto concerne la transizione energetica. Tra i principali elementi di successo spiccano le energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    , forza motrice primaria per quanto riguarda la crescita industriale di tutto il gruppo; al termine dell’anno corrente ci si attende che il mix di generazione sarà composto per almeno il 50% da tecnologie a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    impattando positivamente sull’ambiente.

    La stima degli investimenti lordi totali per il 2019-2021 ammonta a circa 27,5 mld di euro; l’aumento di circa il 12%, rispetto al piano precedente, è riconducibile anche ad un aumento di 4 miliardi di euro per investimenti organici applicati alle rinnovabili. Si prevede che l’allocazione degli investimenti, per quanto riguarda le varie business line, si sviluppi in base a quanto segue:

    • 42% Rinnovabili
    • 40% Reti
    • 5% Retail
    • 4% Crescita Enel X
    • 9% Generazione Termoelettrica

    Particolare menzione merita anche il processo di decarbonizzazione del mix energetico che il gruppo Enel intende portare avanti. L’obiettivo principale è di ridurre le emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    anche per cogliere le opportunità generate dalla lotta ai cambiamenti climatici; la capacità rinnovabile dovrebbe aumentare, al 2021, di 11,6 GW a discapito di una riduzione della capacità di generazione termoelettrica pari a 7 GW. Riassumendo al 2021 il 62% dell’energia prodotta al 2021 sarà a zero emissioni.

    Importanti investimenti (11,1 mld di euro) verranno destinati anche alle reti; di questi circa 2/3 verranno destinati ai segmenti di mercato in cui la realizzazione di infrastrutture smart risulta ad uno stadio già avanzato.

    Interessante anche il piano d’investimento riservato ad Enel X per la quale si è deciso di puntare molto sulla realizzazione di infrastrutture per la mobilità sostenibile (Italia, Spagna, Romania in Europa). Verranno inoltre realizzate installazioni di reti a fibra ottica sia in Italia che in Sud America. Per Enel X il gruppo Enel ha destinato una quota di 1,1 mld d’investimenti.

    Infine risulta degno di nota il processo di digitalizzazione che coinvolgerà tutti i settori di attività per contenere e ridurre i costi operativi; l’obiettivo è di raggiungere un totale pari a 8,1 mld nel 2021 (registrando una riduzione pari al -8% nel triennio 2019-2021). Ci si attende di ridurre del 36% i costi nel settore retail, di risparmiare il 33% dalla trasformazione digitale delle reti, infine una riduzione del 23% per quanto concerne il parco di generazione termoelettrica.

    Per approfondire si rimanda all’intero documento: Piano industriale 2019-2021

     

    Orizzontenergia

     

    Notizie correlate

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *