NewsEfficienza & RisparmioStakeholder energiaLegambienteEfficienza Energetica

Energia: Ue lancia misure per più efficienza

    Legambiente: “Un primo passo importante ma serve un target vincolante. Efficienza via maestra anche per riduzione emissioni e aumento rinnovabili”

     

    “Non possiamo che accogliere con molto favore una proposta che mette al centro della strategia salva clima dell’Europa anche l’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    . Il suo ruolo, infatti, è fondamentale visto che la riduzione dei consumi rappresenta la strada più lungimirante e economica per ridurre anche le emissioni di gas serra e aiutare a raggiungere più facilmente gli obiettivi sulle rinnovabili. E’ chiaro però che senza un target vincolante sarà difficile raggiungere l’obiettivo che l’Ue si è data del 20% di efficienza entro il 2020. Per questo c’è bisogno che nella discussione della direttiva venga messo da subito all’ordine del giorno un obiettivo legalmente vincolante senza rimandare questa decisione al 2014 come propone oggi la Commissione”.

    Così il responsabile EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    di Legambiente Edoardo Zanchini, commenta le proposta dio direttiva del commissario europeo all’Energia, Gunther Oettinger, presentata oggi a Bruxelles per riuscire a centrare il target del 20% di taglio di consumi di energia entro il 2020, attraverso una maggiore efficienza energetica.

    “Il rischio infatti – aggiunge Zanchini- è che, come ha sottolineato anche il commissario Oettinger, in assenza di misure aggiuntive, l’Europa riesca a ridurre solo del 10% i suoi consumi e non del 20% al 2020 come previsto. Una riduzione, secondo le proiezioni della stessa Commissione europea, non sufficiente a scongiurare i pericoli del surriscaldamentosurriscaldamento
    Raggiungimento di temperature critiche.
    del pianeta e che potrà essere aumentata solo se – ribadisce Zanchini – come per l’impiego delle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    e la riduzione delle emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    , il target sarà legalmente vincolante. La proposta fatta fino ad ora – conclude Zanchini – rende obbligatorie solo alcune misure ma non l’obiettivo complessivo del 20% mentre è necessario che l’Europa, da subito, introduca un obbligo legalmente vincolante anche per l’efficienza energetica”.

     

    Fonte: Legambiente, 22/06/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button