NewsRinnovabiliStakeholder energiaTernaScenari Futuri

Energia, verso un trasporto senza sprechi né dissipazione

    Un esperimento di ricercatori italiani ha filmato il cambiamento delle proprietà ottiche dei superconduttori ad alta temperatura

     

    Trasportare energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    senza sprechi. Al momento è solo una speranza, ma presto potrebbe diventare una realtà. Un lavoro di ricerca, condotto anche dall’Italia attraverso l’università Cattolica di Brescia, l’università di Trieste e il Sincrotrone di Trieste ha sostenuto un esperimento che spiega il modo di trasportare energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    senza dissipazione, filmando il cambiamento delle proprietà ottiche dei superconduttori ad alta temperatura
    .

    Un evento che potrebbe davvero aprire la strada verso un modo ottimale di trasportare energia, appunto senza sprechi. Questo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, potrebbe infatti aprire le porte all’ingegnerizzazione di materiali superconduttori per il trasporto di corrente elettrica senza dissipazione, allo sviluppo di componenti elettroniche che non si scaldano mentre lavorano fino alla produzione di campi magnetici molto elevati senza dover raffreddare il materiale, utili nel campo del trasporto a levitazione magnetica.

    Le applicazioni sarebbero diverse (dai treni a levitazione magnetica superveloci alle tecniche di risonanza magnetica per scopi diagnostici in campo medico, fino ai supercomputer di nuova generazione) ma soprattutto si ravviserebbe una certa utilità nel campo del trasporto a levitazione magnetica. La ricerca di superconduttori a base di ferro in grado di trasportare corrente elettrica a una temperatura prossima a quella ambiente è tuttora un tema molto caldo e dibattuto.

    I risultati sono particolarmente attesi con la prospettiva di poter applicare il fenomeno della superconduttività su larga scala ed evitare, di conseguenza, la grossa dispersione termica associata appunto all’impiego dei conduttori convenzionali.

     

    Fonte: Terna WebMagazine, 28/09/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button