NewsFossiliGasStakeholder energiaMise - Min.sviluppo Economico

Energia, via libera rigassificatore Falconara Marittima

    Ok da Conferenza di Servizi presso Ministero dello Sviluppo Economico. Da impianto 4 miliardi di m3 all’anno

     

    Roma, 12 luglio 2011– Si è tenuta presso il Ministero dello Sviluppo Economico la conferenza dei servizi conclusiva per l’autorizzazione di un terminale di rigassificazionerigassificazione
    Operazione grazie alla quale è possibile riportare il GNL (gas naturale liquefatto) allo stato fisico di gas. Il gas, infatti, per essere trasportato su lunghe distanze, con le navi metaniere, viene raffreddato fino a -161 C°, temperatura alla quale si presenta liquido. Una volta giunto a destinazione viene ri-trasformato in gas ed immesso nella rete di distribuzione fino agli utenti finali.
    della società ApiApi
    American Petroleum Institute – Organizzazione che emana norme e regolamentazioni adottate quasi universalmente dall’industria petrolifera.
    Nòva EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    presso il comune di Falconara Marittima
    . Nel corso della riunione, sono stati acquisiti i pareri delle amministrazioni interessate, in particolare quello favorevole del Comune, e l’intesa con la Regione Marche. Il progetto ha avuto una valutazione positiva sia per gli aspetti ambientali che di sicurezza.

    L’impianto ha una capacità di circa 4 miliardi di metri cubi all’anno e sarà realizzato mediante un adeguamento dell’esistente piattaforma off-shoreoff-shore
    Aree situate in mare, ad una certa distanza dalle coste, dove è possibile svolgere attività di ricerca o di produzione di idrocarburi o dove è possibile installare un parco eolico, sfruttando la maggiore velocità dei venti.
    , posta a 16 km dalla costa e già operativa
    per lo scaricoscarico
    Qualsiasi immissione di acque reflue in acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione. Sono esclusi i rilasci di acque previsti all’art. 114 (rilasci da diga).
    delle navi petroliere, di proprietà della società api raffineria di Ancona S.p.A, del Gruppo Api.

    Le navi, dopo aver effettuato il carico di GNL presso impianti di liquefazioneliquefazione
    Processo che porta alla trasformazione di una sostanza solida o gassosa in una sostanza allo stato liquido. Nel caso del carbone si può ottenere un combustibile liquido attraverso 2 modi: o per reazione con l’idrogeno ad alta temperatura e pressione o attraverso un processo catalitico noto col nome di Fischer-Tropsch. Nel caso di liquefazione del gas naturale, invece, non sono coinvolte reazioni chimiche ma un procedimento fisico di aumento della pressione e/o riduzione della temperatura a -162 °C per formare il cosiddetto GNL, più facilmente trasportabile sulle lunghe distanze.
    all’estero o tramite trasferimento da navi di trasporto al largo, potranno effettuare in completa sicurezza il processo di rigassificazione in corrispondenza della piattaforma.

    Il gas sarà convogliato a terra attraverso una nuova condottacondotta
    Rete di tubazioni adibite al trasporto di combustibili (gas e petrolio) dai luoghi di produzione ai luoghi di stoccaggio, di imbarco, di trattamento e di consumo.
    sottomarina di 16 km e da qui avviato a una stazione di misura e regolazione per l’allacciamentoallacciamento
    Connessione di un’utenza alle reti di distribuzione dell’energia elettrica realizzata dal distributore locale attraverso operazioni di posa dell’impianto che collega il contatore alla rete. Pagando il contributo di allacciamento, l’utente acquisisce il diritto di accesso alla rete entro determinati limiti di potenza.
    all’esistente rete di trasporto nazionale
    in località Case Latini.

    La realizzazione in Italia di un quarto terminale di GNL consentirà al nostro Paese di accrescere la sicurezza delle forniture di metanometano
    Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
    , attraverso una più efficace diversificazione delle fonti e delle rotte di approvvigionamentoapprovvigionamento
    Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
    . Esso contribuirà anche all’aumento dell’offerta di gas sul mercato italiano e quindi alla concorrenza tra gli operatori, ponendo le basi per un contenimento dei prezzi del gas a famiglie e imprese.

     

    Fonte: MSE, 12/07/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button