NewsRinnovabiliEolicoFotovoltaicoSolareStakeholder energiaAeegsiConfartigianato

ENERGIE RINNOVABILI: Confartigianato soddisfatta per le semplificazioni amministrative poste in campo dall’AEEG

    “L’Autorità per l’Energia ElettricaEnergia Elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    e il Gas ha iniziato un percorso di riduzione degli oneri amministrativi per le imprese, quanto mai indispensabile, soprattutto in una fase di perdurante difficoltà economica del tessuto produttivo”.

    Il Presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini esprime apprezzamento per i contenuti della deliberazione odierna dell’AEEG 443/2012/A che recepisce le esigenze delle piccole e medie imprese e contiene concrete soluzioni per risolvere alcune criticità.

    A preoccupare Confartigianato era l’eccessivo appesantimento burocratico sui piccoli operatori, soprattutto nel settore delle energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    , tenuti a comunicare informazioni già disponibili in altre banche dati, oltre ad un’incertezza e farraginosità normativa riguardante la contribuzione dovuta dalle imprese.

      Con la delibera odierna i piccoli produttori saranno esonerati dagli obblighi informativi – introdotti con delibera GOP 35/08 – e dagli oneri di comunicazione derivanti dal versamento del contributo introdotti con la delibera 143/07.

    Nessuna iscrizione, quindi, alla anagrafica e nessun obbligo di dichiarazione on line attestante le informazioni relative al versamento, per i piccoli produttori di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    elettrica e gas con potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    complessiva inferiore ai 100 kWkW
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    .

    Auspico – ha detto Guerrini – che questa delibera sia solo una prima tappa e che a breve si possano registrare analoghi passi, ad esempio in tema di contabilità separata, nella direzione della semplificazione e della riduzione degli oneri amministrativi non necessari gravanti sulle imprese di piccole dimensioni. La sensibilità dimostrata dal Collegio dell’AEEG ci fa ben sperare”.

    Fonte: Confartigianato, 31/10/2012


    NOTA STAMPA DELL’AEEG

    Approvate le prime misure di semplificazione degli oneri per le PMI

    Consentiranno un risparmio di 4 – 5 milioni di euro/anno per PMI e famiglie

    Milano, 31 ottobre 2012

    L’Autorità per l’energia ha approvato un primo pacchetto di misure di semplificazione degli oneri a carico di piccole/medie imprese e famiglie, con effetti positivi anche in termini di risparmi economici. Il provvedimento (delibera 443/2012/A) prevede, in particolare, l’esonero da oneri – soprattutto di natura informativa – previsti dalla regolazione a carico di alcune categorie di piccoli autoproduttori di energia elettrica, quali tipicamente famiglie e PMI.
    L’esonero avrà efficacia immediata e porterà benefici stimabili tra 4 e 5 milioni di euro/anno in termini di minori costi (calcolati secondo la metodologia europea “Standard Cost Model”).
    L’esonero riguarda, nello specifico, i produttori elettrici con impianti di potenza nominalepotenza nominale
    Potenza massima a cui una macchina può funzionare in determinate condizioni, generalmente specificate dal costruttore.
    complessiva inferiore/uguale a 100 kW che non siano contemporaneamente gestori di componenti del servizio idrico integrato, che non svolgano nessuna altra attività nel settore elettrico o del gas e che siano già registrati sul sistema informatico GAUDI gestito da Terna.
    Questi soggetti, a seguito della decisione del Regolatore, verranno esonerati dall’obbligo di iscriversi all’Anagrafica operatori, di comunicare i dati sul versamento del contributo annuale per il funzionamento dell’Autorità e dall’invio delle informazioni per acquisire elementi utili per le attività conoscitive e la predisposizione della Relazione annuale. Per queste ultime, l’Autorità attingerà dai dati e dalle informazioni già disponibili presso il sistema GAUDI’ gestito da Terna.
    Il provvedimento di semplificazione degli oneri costituisce una prima significativa attuazione delle disposizioni di cui all’articolo 6, comma 3, del decreto legge 70/11.
    L’Autorità intende comunque proseguire nelle proprie verifiche per adottare ulteriori misure di semplificazione ed esonero dagli obblighi informativi e di riduzione degli oneri amministrativi connessi.
    La delibera (443/2012/A) è disponibile sul sito www.autorita.energia.it


    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button