NewsEnergia & MercatoEnergy StorageStakeholder energiaOrizzontenergia.it

Energy Storage: La UE punta a creare l’Airbus delle batterie

    Il settore dei sistemi d’accumulo energetico è uno degli ambiti principali su cui stanno concentrando la propria attenzione players che operano in vari mercati come quello dell’automotive, dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    o delle telco. Gli investimenti maggiori sono frutto dei progetti sviluppati da aziende principalmente americane o asiatiche, le aziende europee, invece, seguono a distanza considerevole. Per cercare di colmare il gap con gli altri continenti, il Vice Presidente e Commissario UE per l’unione energetica, Maros Sefcovic, ha convocato i più grandi gruppi industriali europei per convincerli a collaborare al fine di progettare e produrre sistemi di accumulo energetico all’avanguardia.

    Il modello da cui nasce l’idea di Sefcovic è quello adottato per l’Airbus, nato per contrastare la dipendenza delle compagnie aeree europee da quelle americane; in questo caso al centro del progetto ci sarebbe la ricerca nel campo delle batterie al fine di creare un vero e proprio consorzio di aziende in modo tale che, per esempio, i produttori europei di auto elettriche non debbano dipendere esclusivamente dalle batterie prodotte in paesei come USA, Cina o Giappone.

    Il mercato dei sistemi d’accumulo energetico è in continua crescita ed è atteso un vero e proprio “boom” nei prossimi anni; alcune previsioni di mercato stimano che la domada di batterie al litio per il settore automotive ammonterà a 40 mld. entro il 2025; le cifre però potrebbero essere ancora superiori visto che il mercato dell’automotive elettrico è in continuo sviluppo. 

    Il mercato delle auto elettriche è sicuramente quello più fertile per i sistemi d’accumulo, tuttavia ci sono altri mercati, come per esempio quello energetico, che offrono anch’essi grande potenziale di sviluppo: basti pensare all’utilizzo dei sistemi d’accumulo energetico per evitare squilibri nella rete.

    La riunione convocata da Sefcovic è prevista per l’11 Ottobre, chissà se sarà l’inizio di una nuova era per il mercato europeo dell’accumulo elettrochimico.

     

    Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button