NewsEnergia & MercatoEnergy StorageRinnovabiliFotovoltaicoSolareStakeholder energiaRse-ricerca Sistema Energetico

Energy storage: un nuovo impulso per il fotovoltaico

    La fine degli incentivi del Conto EnergiaConto Energia
    Il Conto Energia è una forma di incentivazione statale a sostegno della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici.
    Entrato in vigore con il Decreto Ministeriale del 19 Febbraio 2007, consiste nell’attribuzione di una tariffa incentivante, proporzionale all’energia prodotta, in base alla tipologia di impianto (non integrato architettonicamente, parzialmente integrato, integrato). Le tariffe vengono corrisposte per un periodo di 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto e rimangono costanti per l’intero periodo.
    ha certamente rallentato il ritmo di sviluppo di questa fonte che negli anni passati aveva posto l’Italia ai vertici mondiali; oggi – invece – bisogna “accontentarsi” di 300 MW/anno.  

    Tuttavia, per l’immediato futuro ci si aspetta una nuova accelerazione, trattandosi di una delle principali tecnologie che potranno condurre il sistema elettrico verso il traguardo della decarbonizzazione.  

    La vera sfida si giocherà in termini di innovazione tecnologica. “Oggi parlare di fotovoltaico – conferma Luigi Mazzocchi, direttore del Dipartimento Tecnologie di Generazione e Materiali di RSE – conduce quasi sempre a parlare anche di accumulo elettrico, sia per l’interesse dei piccoli produttori a consumare quanto più possibile l’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    nell’istante in cui viene prodotta, sia perché il sistema elettrico, in presenza di fonti non programmabili come il sole, deve ricorrere a tutti i possibili strumenti di flessibilità. E fra questi, proprio l’accumulo sta guadagnando sempre più spazio, non solo in Italia
    ”.  

    Un esempio, preso proprio dal paniere delle esperienze straniere? Lo scorso anno in Germania sono stati installati 52 mila sistemi di accumulo, asserviti ad impianti di generazione solare. E il nostro Paese? L’evento dal titolo Le prospettive del fotovoltaico e dell’accumulo in Italia fornirà le risposte a questa domanda.  

    Organizzato a Milano il prossimo 4 aprile, vedrà anche la partecipazione di RSE che interverrà presentando i propri studi sulle motivazioni e sulla convenienza di installare sistemi di accumulo a complemento di piccoli impianti fotovoltaici. 

    VAI ALL’EVENTO

    Fonte: RSE

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button