NewsEolico

Eolico: Falck Renewables ha acquistato 5 turbine in Norvegia

Tramite la controllata Falck renewables Vind A.S. è stato sottoscritto un accordo per l'acquisto di 5 turbine da 4,2 MW ciascuna.

    Falck Renewables S.P.A ha sottoscritto un accordo con Vestas Norway A.S. per l’acquisto di 5 turbine eoliche (V117 – 4,2 MW) per il parco eolico sito ad Okla in Norvegia, il quale avrà una capacità complessiva pari a 21 MW per un valore di oltre 13 milioni di euro. Nel contratto d’acquisto delle 5 turbine è compreso anche un accordo relativo ad O&M a lungo termine.

    Le turbine, ciascuna di capacità massima pari a 4,2 MW, raggiungono un’altezza massima di 148,5 metri; le previsioni stimano una produzione media annua di circa 75 GWh. Il parco si trova nella penisola di Stadlandet, lungo la costa occidentale del paese scandinavo.

    I lavori di costruzione e di interconnessione dovrebbero iniziare a breve, per concludersi ad Ottobre 2020 mese in cui è prevista la messa in esercizio del parco eolico.

    Tags
    Show More

    One Comment

    1. Salve, sono Michele e seguo con interesse tutte le iniziative che si prendono per le rinnovabili. Ho delle perplessità sui mega impianti, sopratutto per i costi elevati. Mi sono occupato, per passione, ai mini eolici verticali, perchè sono convinto che per affascinare l’utenza bisogna renderla partecipe all’interesse che le rinnovabili suscitano oggi. Ho realizzato un mini eolico verticale su cui ho inserito un sistema che lo rende totalmente silenzioso e privo di ogni vibrazione. Tutto ciò perche mi sono chiesto le ragioni per cui il mercato è fermo. Capisco che avere un impianto sulla testa che emette rumori molesti, amplificati dai solai di copertura delle abitazioni, non accettabile da parte dell’utenza, come è molto difficile ed antieconomico un mega impianto per il trasporto dell’energia fino alle abitazioni, meglio è produrre energia in casa. Comunque sono opinioni personali che hanno bisogno di ulteriori specifiche illustrative per essere apprezzate e condivise. Mi auguro che i governi si aprano a questi propositi. Grazie

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button