NewsAmbienteCambiamenti ClimaticiEfficienza & RisparmioRinnovabiliStakeholder energiaProtocollo Di KyotoEfficienza EnergeticaEnea

European Climate Foundation

    La road map europea 2050 necessita di una politica adeguata e di tante risorse

     

    Obiettivi al 2020 (-20% di emissioni e quota di rinnovabili al 20%) richiedono, secondo lo studio, investimenti per 628 miliardi di euro. Destinati prevalentemente all’allargamento (42.000 km) e miglioramento della rete di trasmissionetrasmissione
    Attività di trasporto dell’elettricità sulla rete a partire dai centri di produzione sino ai centri di utilizzo. Il maggiore proprietario della rete di trasmissione nazionale dell’energia elettrica ad alta tensione è Terna.
    elettrica. Investimenti che dovrebbero vedere la luce nel decennio in corso. Figurarsi per quelli molto più ambiziosi posti dalla road map al 2050, e quelli intermedi al 2030 (50% di rinnovabili, 34% fossile e il resto nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    ). Il rapporto ci prova, sostenendo che l’adeguamento della rete è cruciale per il pieno sfruttamento delle rinnovabili: 1200 miliardi entro il prossimo decennio.

    Il problema del reperimento delle risorse necessarie, potrebbe essere risolto, si suggerisce, con un approccio finanziario innovativo. Per esempio vendendo titoli obbligazionaria a investitori istituzionali (fondi pensione). La Commissione ha confermato piani per lanciare eurobond di progetto come parte dei piani di finanziamento delle infrastrutture. Tempi previsti: la fine del decennio in corso.

    Per il rapporto, ECF si è avvalso della collaborazione dell’ Imperial College di Londra, Royal Dutch Shell e un certo numero di compagnie del settore elettrico.

     

    Fonte: Enea, 15/11/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *