NewsRinnovabiliBiomassaStakeholder energiaAssorinnovabiliFiper

FIPER ad AssoRinnovabili: Nessun Riferimento a retroattività. Solo richiamo alla trasparenza e all’equità

    Stupore da parte del Presidente FIPER Walter Righini rispetto alla replica di Rebaudengo presidente di Assorinnovabili riguardo la richiesta FIPER di pubblicare i dati sulla filiera corta.  Commenta a riguardo Righini: “Da parte di FIPER non è stata avanzata alcuna richiesta al Ministero dell’Agricoltura di rimodulazione retroattiva degli incentivi sulla filiera corta, oltretutto la competenza spetterebbe al Ministero dello Sviluppo Economico!” Continua: ”E’ evidente tuttavia che esiste sul mercato di approvvigionamentoapprovvigionamento
    Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
    delle biomasse una distorsione alla concorrenza, già evidenziata dall’Antitrust, a cui il Governo è stato chiamato a porre rimedio
    ”.

    La richiesta FIPER avanzata al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha l’obiettivo di rendere pubblici i dati riguardo l’allocazione degli incentivi statali riconosciuti alla produzione di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    da biomasse legnose vergini.
     
    A riguardo Righini: ”in un’ottica di trasparenza e di analisi ex/post del costo opportunità di specifiche misure di incentivazione, ci sembra importante che vengano pubblicati dati di questo tipo. E’ alquanto curioso che questi dati disaggregati non siano disponibili agli addetti ai lavori e neppure, per quanto di nostra conoscenza ai Ministeri competenti, per predisporre strategie energetiche sostenibili.
    Poter contare su queste informazioni, permetterebbe di verificare in tempo reale i risultati dell’incentivazione sulla promozione della filiera a monte, in particolare all’approvvigionamento di biomassabiomassa
    In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende ” la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani “. Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
    legnosa
    derivante dalla manutenzione dei boschi in ambito locale
    ”.
     

    Fonte: FIPER

            Potrebbe anche interessarti…

    News 

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button