NewsEnergia & MercatoStakeholder energiaIstituzioni Energetiche NazionaliGli Stakeholder Dell'energiaFire - Federazione Italiana Per L'uso Razionale Dell'energia

FIRE: bilanci positivi per le attività svolte e per la conferma della compagine associativa

    Roma, luglio 2016 – Si è tenuta il 28 giugno scorso a Roma, presso l’Hotel Donna Laura Palace, l’annuale assemblea dei soci della FIRE durante la quale la Federazione ha fatto il punto sulle attività svolte fino ad oggi e sugli obiettivi e le strategie preventivate per il futuro.

    Nel 2015 la Federazione ha continuato ad affermare i propri obiettivi in tema di utilizzo efficiente delle risorse, lanciando nuove attività volte a promuovere le buone pratiche nell’energy management.
    D’intesa con il MiSE sta partendo in questi giorni l’Osservatorio degli energy manager, al fine di offrire un maggiore supporto agli energy manager e alle imprese. I temi trattati spazieranno dagli aspetti di energy management e sistemi aziendali alla normativa e al benchmarking.

     

     

    Questa è l’ultima di tante iniziative indirizzate agli energy manager. Nel 2015 lo sportello della FIRE ha risposto ad oltre 700 chiamate e 400 mail, cui si aggiungono le azioni di sensibilizzazione e le richieste di chiarimenti e integrazioni (su numeri similari). La FIRE ha inoltre promosso il ruolo dell’energy manager in diversi ambiti, dalle audizioni parlamentari ai gruppi di lavoro e agli incontri pubblici, cercando di promuoverne la nomina soprattutto nel settore pubblico, ancora gravato da un alto tasso di inadempienza.

    Per facilitare il ricorso all’energy performance contracting (EPC) e il finanziamento tramite terzi dei progetti la FIRE ha avviato una collaborazione forte con EVO – l’organizzazione che promuove l’IPMVP, il più diffuso protocollo per la misura e verifica dei risparmi energetici – rendendo disponibile in Italiano la documentazione e avviando diverse iniziative informative e formative.

    Sul fronte europeo la FIRE è stata impegnata nei progetti Enspol (policy e schemi di supporto), Whaves (efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    nell’industria energy intensive e strumenti di finanziamento) e SME Energy Check-Up (diagnosi energetiche e interventi di efficientamento energetico nelle PMI), cui quest’anno si è aggiunto EU-MERCI (buone pratiche per l’efficienza energetica nell’industria).

    Grande slancio è stato dato dalla Federazione all’offerta formativa. Oltre alla collaborazione con ENEA sui corsi per energy manager, sono stati organizzati numerosi corsi su richiesta (ad esempio: Poste Italiane, Vigili del Fuoco, Schneider Electric e diversi ordini professionali) e si è fatto largo uso dei webinar e dei corsi on line per offrire un servizio sempre più attento all’ambiente e alle esigenze del mondo del lavoro odierno, mantenendo gli elevati standard di qualità che solo strutture basate sulla competenza di settore e quasi trent’anni di esperienza sul campo possono offrire. La digitalizzazione ha interessato anche la rivista trimestrale Gestione EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    , alla cui versione cartacea si sono associate le APP per i dispositivi mobili, e le modalità di conduzione di alcuni gruppi di lavoro.

    Nella discussione che ha accompagnato l’assemblea si è parlato, poi, di alcuni temi particolarmente caldi, su cui la FIRE è impegnata con diverse iniziative per favorire lo sviluppo del mercato dell’efficienza energetica e della sostenibilità: lo sviluppo dell’offerta di prodotti e servizi (sempre più avanzati e capaci di coniugare l’esigenza di risparmio dei clienti con la competitività), le difficoltà economiche che ancora riguardano le imprese consumatrici di energia e che rendono difficili gli investimenti, gli sviluppi del mercato dei contratti a prestazione energetica e del finanziamento tramite terzi (presenti ma lenti rispetto alle esigenze, anche per la mancanza di un’idonea rete di facilitatori), la riforma del mercato elettricomercato elettrico
    Mercato dove si effettua l’acquisto e la vendita di energia elettrica attarverso un sistema di contratti bilaterali o attraverso la borsa elettrica. Il prezzo viene determinato dall’incontro tra la domanda e l’offerta di energia elettrica da parte dei vari operatori che vi partecipano.
    (che purtroppo contrasterà l’efficienza energetica e la generazione distribuita), le problematiche connesse all’accesso agli incentivi.

    Ultimi dati: il bilancio si è chiuso con un leggero avanzo. Tale risultato è basato su entrate sociali, formazione, studi e ricerche, progetti europei, certificazione degli EGE ed eventi.
    Si è proceduto al rinnovo del Consiglio Direttivo, composto dai seguenti membri: Cesare Boffa (Politecnico di Torino – presidente FIRE), Vincenzo Albonico (esperto), Angelo Artale (Finco), Costantino Lato (esperto), Mauro Mallone (MiSE), Riccardo Angelini (IREN), Marcella Pavan (AEEGSI), Roberto Moneta (ENEA), Michele Santovito (Assoege), Giuseppe Tomassetti (esperto – vice presidente FIRE).

    Fanno, invece, parte del collegio dei revisori: Alfio Fresta (presidente), Leonardo Macione, Amico Antenucci.

    Durante l’assemblea è stata anche presentata la relazione di bilancio SECEM 2015 da cui è emerso che al 31 dicembre 2015 gli EGE certificati dall’organismo della FIRE – il primo ad essere stato creato ed accreditato – risultano 256 (erano 136 nel 2014). In questo modo la FIRE unisce alla rete di soci ed energy manager anche una rete di professionisti esperti e qualificati, capaci di superare le rigorose prove di esame.

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *