NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteFossiliCarboneTecnologie TermoelettricheStakeholder energiaRegione Sardegna

FIUMESANTO: INTESA REGIONE-ISTITUZIONI NORD SARDEGNA E CHINA HOLDING PER REALIZZAZIONE CENTRALE

    E’ quanto prevede l’intesa siglata oggi a Villa Devoto tra la Regione, la Provincia di Sassari, le amministrazioni comunali di Sassari e Porto Torres e la società cinese, particolarmente attiva nel campo delle energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    .

    Entro il 30 settembre, infatti, la multinazionale presenterà uno studio di fattibilità per la costruzione di una centrale a carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    al gruppo di lavoro, costituito ad hoc dai firmatari del protocollo e attivato nell’assessorato dell’Industria per esprimere una valutazione sulla proposta industriale, individuando sinergie, ricadute per le imprese e per il lavoro locale.

    L’accordo con la holding cinese, che ha confermato con l’accordo la sua disponibilità a investire nell’isola, è un passo avanti significativo per il territorio e per l’intera Sardegna -ha detto il presidente della Regione, Ugo Cappellacci- poiché consente un adeguato e rapido ricambio del parco di generazione, favorendo l’impiego delle tecnologie di ultima generazione che abbattono drasticamente l’impatto ambientaleimpatto ambientale
    L’insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l’avvio di una determinata attività ha sull’ambiente naturale circostante.
    . Non consentiremo più, infatti, il prolungato esercizio di impianti con gruppi a olio combustibileolio combustibile
    Frazione pesante derivante dalla raffinazione del petrolio greggio, che trova impiego prevalentemente come combustibile per l’industria, nelle centrali termoelettriche o come carburante per le navi. L’olio combustibile è classificato secondo la viscosità (oli fluidissimi, fluidi, semifluidi, densi) e secondo il contenuto di zolfo.
    che, oggi, sono destinati a produrre solo inquinamento
    “.

    Al gruppo di lavoro spetterà approfondire i meccanismi di gestione delle procedure amministrative per l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni, oltre a individuare gli strumenti di programmazione e di incentivazione utilizzabili, coerentemente con i programmi di sviluppo regionali. Soddisfazione per l’intesa è stata manifestata anche dai rappresentanti degli Enti locali chiamati a fornire indicazioni per il miglior inserimento dell’iniziativa industriale nel territorio.

    Con l’accordo – ha aggiunto l’assessore dell’Industria, Antonello Liori –  non solo si concretizzano opportunità occupazionali per il Nord Sardegna, ma si  assicurano le condizioni ottimali per il mantenimento del sistema di produzione dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    , fattore trainante di tutta la nostra ripresa economica
    “.

    Fonte: Regione Sardegna

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button