NewsEfficienza & RisparmioRisparmio EnergeticoEnergia & MercatoMercato & BolletteElettricità

Fornitura energia elettrica domestica: ecco 5 suggerimenti da seguire per scegliere bene il fornitore di luce per la casa

    Fornitura energia elettrica domesticaScegliere il fornitore di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    è una questione importante poiché le bollette possono arrivare ad avere costi cospicui, pesando notevolmente sui bilanci familiari.
    E’ quindi fondamentale affidarsi a un trader che ci permetta di risparmiare, offrendoci allo stesso tempo un servizio di qualità, affidabile e rispettoso dell’ambiente in cui viviamo.

    Ecco alcuni consigli utili per scegliere un buon fornitore di luce per la casa:

    – Stabilire il proprio consumo annuo in kWhkWh
    Unità di misura dell’energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un’ora.
    . Questo perché ogni fornitore presenta diverse tipologie di tariffe che possono essere convenienti o meno a seconda dei consumi energetici. Alcuni trader dispongono di offerte maggiormente adatte alle famiglie mentre altri sono indirizzati verso il mercato dei single. Sapere quanti kWh ci servono ogni anno è quindi il primo passo per capire quale tariffa, e quindi quale fornitore, è più adatto a noi. Conoscere il proprio consumo è semplice, basterà consultare una qualsiasi bolletta della luce. Alternativamente, è possibile calcolarlo utilizzando alcuni comparatori online di tariffe.

    – Capire in quali fasce orarie si concentrano i nostri consumi energetici. Infatti alcuni fornitori e anche il Mercato a Maggior Tutela propongono tariffe biorarie, cioè prezzi diversi a seconda dell’orario in cui si utilizza l’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    . Questa soluzione può essere conveniente per chi effettivamente riesce a spostare almeno il 70% dei consumi nelle fasce agevolate. Altrimenti è sicuramente una scelta migliore attivare una classica tariffa monoraria. Anche questo tipo di valutazione è quindi fondamentale per scegliere il fornitore più adatto alle nostre esigenze.

    – Customer care efficiente. Assicurarsi che il trader che vogliamo scegliere disponga di un servizio clienti efficiente e rapido, poiché è importante non solo riuscire a risparmiare ma anche trovare un fornitore che sappia risolvere velocemente i problemi che si possono presentare e dare risposta alle nostre domande. Per trovare queste informazioni può essere una buona idea consultare i forum che si occupano del settore e leggere le recensioni che si trovano in rete.

    – Consulente dedicato. Verificare se il fornitore ha dei referenti di zona oppure dei consulenti energetici a cui i clienti possono fare riferimento. Infatti le questioni relative alla fornitura sono complesse e molto tecniche quindi è sicuramente un vantaggio la possibilità di avere un esperto al nostro fianco che possa guidarci nelle scelte ed essere disponibile a risolvere eventuali problemi.

    – Etica aziendale. Valutare anche gli aspetti etici dell’azienda, come l’utilizzo di energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    , la tutela dei propri dipendenti, il sostegno ad associazioni no profit. Queste possono sembrare questioni secondarie ma in realtà hanno una valenza molto importante: ogni nostra scelta di consumo può diventare infatti un’azione con un impatto positivo sul mondo in cui viviamo.

    Sei ancora indeciso su quale fornitore scegliere? Un’azienda fornitrice di energia domestica che risponde in pieno a tutti e 5 i requisiti è Enegan che non solo ti assicura tariffe convenienti e la presenza di un consulente dedicato a tua disposizione in ogni fase di contratto, ma che è anche sinonimo di un nuovo modo di fare energia: umano, sostenibile e solidale.

    Per conoscere un’energia perbene e per maggiori informazioni visita subito il sito di Enegan.

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *