NewsFotovoltaico

Fotovoltaico: Il modulo fotovoltaico che genera energia e purifica l’acqua

Lo speciale modulo fotovoltaico presentato su Nature Communications è in grado di generare energia elettrica e di purificare acqua salata o contaminata.

    E’ stato sviluppato uno speciale modulo fotovoltaico in grado di generare sia energia elettrica sia di sottoporre a purificazione l’acqua salata o contaminata; il progetto è stato realizzato dai ricercatori della King Abdullah University of Science and Technology dell’Arabia Saudita, e risulta particolarmente interessante per quelle zone caratterizzate dalla penuria di acqua potabile e con un basso tasso d’accesso all’elettricità.

    Questo speciale modulo fotovoltaico è stato realizzato partendo da un modello tradizionale con celle in silicio; al di sotto di questo modulo è stato installato un mezzo di distillazione composto da 3 strati di membrane; in questi strati scorre l’acqua salata o contaminata. L’unità di distillazione recupera una parte del calore generato dalle celle fotovoltaiche, così da consentire al sistema di scaldare l’acqua che, scorrendo attraverso la prima membrana, rilascia sali ed agenti contaminanti per condensarsi purificata dall’altra parte del filtro.

    L’acqua riscaldata con il calore generato dalle celle fotovoltaiche genera un eguale procedimento anche per le altre membrane, come un processo a cascata che consente di ottimizzare il calore generato dal sistema fotovoltaico.

    Questo speciale modulo fotovoltaico ha una resa superiore all’11% la quale non viene limitata dal processo di purificazione dell’acqua, secondo quanto riportato dagli scienziati che hanno presentato il progetto sulla rivista Nature Communications.

    Il team di ricerca ha sottolineato come il progetto sia adatto ad essere utilizzato in prossimità delle aree costiere “fintanto che non si tratti di fornire acqua potabile a città con più di 1 milione di abitanti”, in quanto la tecnologia è adatta a fornire acqua su scala medio-piccola.

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button