NewsFossiliMobilitàCarburantiMobilità SostenibileStakeholder energiaSostariffe.it

Gas metano o GPL: scopri quello più adatto a te

    Riscaldamento: meglio il gas metanometano
    Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
    o il GPLGPL
    Miscela di idrocarburi gassosi, principalmente butano e propano derivanti dalla raffinazione di petrolio e gas naturale. Il GPL si presenta in forma gassosa a temperatura e pressione ambiente, mentre si presenta in forma liquida a temperatura ambiente se sottoposto a lievi pressioni. Questo è il motivo per cui il trasporto e lo stoccaggio del GPL sono agevoli, sia in forma gassosa attraverso reti urbane, sia in bombole o su carri cisterna. È caratterizzato da una grande versatilità d’uso, ma è normalmente più costoso del metano. È utilizzato per scopi di riscaldamento laddove non esiste una rete di metano capillare ed anche per scopi di autotrazione.
    ?

    Il freddo è già iniziato ma può esserci chi abbia dubbi ancora sul tipo di riscaldamento domestico da utilizzare a casa: meglio il metano o il GPL? E’ possibile risparmiare sulla bolletta del gas, che è aumentata del 2,4% lo scorso ottobre, scegliendo il combustibile più adeguato, facendo attenzione all’uso del riscaldamento e cambiando fornitore.

    A chi vuole tagliare le spese è importante ricordare che, prima di considerare il cambio di combustibile per il riscaldamento domestico, è possibile risparmiare sulla bolletta seguendo alcuni semplici accorgimenti.

    In particolare, è fondamentale tenere sempre il termostatotermostato
    Apparecchiatura, di tipo meccanico o elettronico, che permette di regolare e mantenere la temperatura in base alle impostazioni date. È uno strumento impiegato in diversi ambienti, sia industriali che domestici, che consente di evitare inutili sprechi energetici.
    al massimo sui 19-20 °C
    (ogni grado in più aumenta i costi del 6%), e assicurarsi del buon isolamento termico di casa, investendo nei doppi vetri e in tutti gli interventi in grado di migliorare la coibentazione dell’immobile. Collocare valvole termostatiche per regolare la produzione di calore, nonché chiudere i termosifoni nelle stanze in cui non c’è nessuno (a meno che ci siano forti problemi di muffa) è sempre una mossa accertata per tagliare le bollette.

    Oltre a utilizzare consapevolmente il riscaldamento, è sempre possibile risparmiare un po’ di più scegliendo il fornitore gas più adeguato al proprio profilo. Con le attuali offerte gas del mercato liberomercato libero
    Mercato in cui sia le imprese che producono sia le imprese che vendono energia elettrica operano in regime di concorrenza, stimolando una competizione che può portare benefici ai consumatori in termini di prezzi e qualità del servizio.
    una famiglia può risparmiare il 12-13% della bolletta, che può significare anche 200 euro in meno all’anno. Con l’aiuto del comparatore di SosTariffe.it per le tariffe gas reperibile QUI è più semplice identificare le proposte più convenienti.

    Gas metano o GPL, cosa scegliere?

    Purtroppo non c’è un’unica risposta alla domanda riguardante la scelta fra gas metano o GPL: ci sono pro e contro con ogni combustibile. Il GPL è innanzitutto un gas ad alta sostenibilità energetica, in grado di assicurare una combustionecombustione
    Processo chimico esotermico (ovvero che comporta sviluppo di calore) in cui il combustibile si combina con l’ossigeno presente nell’aria oppure appositamente separato (comburente). La reazione di combustione avviene previo innesco localizzato (accensione).
    completa, pochissimi residui e un’elevata resa. Per questo motivo, il GPL è ideale per chi abita in una zona isolata e non può allacciarsi alla rete del metano.

    Tuttavia il GPL non è la scelta indicata per tutti, perché è più costoso del metano di circa il 35-40%, nonché soggetto a frequenti sbalzi di prezzo in quanto derivato diretto del petroliopetrolio
    Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
    . Il GPL è potenzialmente pericoloso e interessato da una legislazione più severa; il “bombolone” infatti va tenuto lontano dalle abitazioni e qualsiasi contesto che possa dare origine a un incendio. Tutto sommato, si può affermare che il GPL va scelto da chi abita lontano dalle città, dove non c’è rete di gas metano, e magari dove c’è un ampio terreno intorno all’abitazione.

    Il gas metano quindi è molto diffuso ed economico, nonché versatile. Non servono sistemi d’accumulo poiché viene distribuito tramite un’apposita rete di tubatura, ed è meno inquinante del GPL, a patto che vengano effettuati con regolarità le operazioni di manutenzione dell’impianto.

    Fonte: SosTariffe

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button