NewsFossiliGasStakeholder energiaEniNews: Gas

Gas Naturale: Eni ha avviato la terza unità di produzione del giacimento di Zohr

    Eni ha avviato la terza unità di produzione di Zohr

    Il giacimento contiene oltre 30 tcf di gas. Il giacimento è stato avviato lo scorso Dicembre, e l’avvio della terza unità produttiva consentirà l’aumento della capacità complessiva installata a 1,2 miliardi di bcfd.

     

    In Egitto, circa 190 km al largo di Port Said, si trova il giacimento di Zohr che contiene più di 30 tcf di gas; si tratta del più grande giacimento di gas naturalegas naturale
    Idrocarburo che ha un’origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un’alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S). nel Mar Mediterraneo. Il giacimento fa parte del blocco di Shorouk, di cui Eni detiene una partecipazione del 60%; Rosneft col 30% e BP col 10% completano il quadro.

    Eni Zohr gas.jpg

    Eni ha annunciato di aver avviato una terza unità di produzione (T-2), che consentirà di aumentare la capacità complessiva installata a 1,2 miliardi di piedi cubi di gas al giorno (bcfd). Al momento vengono prodotti 1,1 bcf in ramp-up, pari a 200.000 barili di olio equivalente al giorno (boed).

    E’ sorprendente come i risultati sopra elencati siano stati raggiunti così in fretta; l’avvio del giacimento risale infatti al Dicembre 2017. Eni ha prefissato il raggiungimento di 2 bcf di produzione entro la fine del 2018.

     

    Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *