NewsSmart CityEfficienza & RisparmioMobilitàMobilità SostenibileSostenibilitàStakeholder energiaPaola GirdinioOrizzontenergia.itRegione LiguriaUniversita' Di GenovaEcobuildingEfficienza Energetica

GENOVA, UN LABORATORIO PER LE SMART CITIES. ORIZZONTENERGIA HA INTERVISTATO LA PROFESSORESSA PAOLA GIRDINIO, DELEGATO DEL RETTORE PER IL COORDINAMENTO SCIENTIFICO DEL PROGETTO “SMART CITY” DEL COMUNE DI GENOVA

     Intervista a Paola Girdinio

    • La città di Genova rappresenta un’eccellenza nel panorama italiano delle Smart Cities.

      Nel suo cammino verso la sostenibilità le seguenti quattro matrici d’azione – Edifici Efficienti / Mobilità Sostenibile / EnergiaEnergia
      Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
      / Porto
      – hanno consentito di accedere ai finanziamenti europei per la realizzazione di progetti a favore di città intelligenti. In questo percorso, quali sono stati i punti di forza?

    Il punto di forza del progetto “Genova Smart CitySmart City
    Espressione dall’inglese che significa “Città Intelligente” ed indica, in senso lato, un ambiente urbano in grado di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, spaziando dal settore prettamente energetico a quello della gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti. La città intelligente riesce a conciliare e soddisfare le esigenze dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni, grazie anche all’impiego diffuso e innovativo delle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), in particolare nei campi della comunicazione, della mobilità, dell’ambiente e dell’efficienza energetica.
    ” è la sua governance: infatti, al fine di creare una stretta sinergia fra enti locali, industria e ricerca, l’Avvocato Paolo Pissarello – ex vice sindaco – ha fortemente voluto la costituzione dell’Associazione Genova Smart City, finalizzata allo sviluppo di progetti di trasformazione della città in città intelligente.

    Inizialmente costituita dal Comune di Genova, da Enel DistribuzioneDistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    e dall’Università degli Studi di Genova, l’Associazione Genova Smart City conta oggi circa 80 aziende aderenti, tutte presenti sul territorio. Tra di esse, molte sono le PMI consorziate al SIIT – il Distretto Tecnologico Ligure dei Sistemi Intelligenti Integrati – con l’obiettivo comune di integrare tecnologie di diversa matrice in sistemi articolati ed intelligenti. Fra enti di ricerca attivi nell’Associazione vi è inoltre anche il CNR.

    Questo a dimostrazione che la città di Genova è riuscita a realizzare con successo un ampio network composto da compagini professionali tanto diverse tra loro, impegnate però in un’azione comune per la messa a sistema delle loro competenze.

    Uno dei punti di forza del lavoro svolto dall’Associazione Genova Smart City è stata la definizione dei seguenti Protocolli d’Intesa con alcune aziende associate:

    ENEL

    Smart GridSmart Grid
    Trattasi di una rete di informazione che affianca la rete di distribuzione elettrica e gestisce la rete elettrica in maniera “intelligente” sotto vari aspetti o funzionalità ovvero in maniera efficiente per la distribuzione di energia elettrica evitando sprechi energetici, sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. Ciò avviene attraverso un sistema fortemente ottimizzato per il trasporto e diffusione della stessa, dove gli eventuali surplus di energia di alcune zone vengono redistribuiti, in modo dinamico ed in tempo reale, in altre aree oppure regolando costantemente il dispacciamento tra centrali di autoproduzione elettrica da fonti rinnovabili della rete di distribuzione (generazione distribuita) con le centrali elettriche della rete di trasmissione (produzione centralizzata).

    ABB

    Ospedale intelligente / Green Port / Laboratorio trasparente delle tecnologie

    ERICSSON

    Controllo mobilità attraverso i cellulari

    IBM

    Cruscotto intelligente

    SELEX-ELSAG  

    Monitoraggio dei consumi energetici per tipologia di edificio / Sicurezza del centro storico

    SIEMENS

    Edificio storico intelligente / Vertical farm / Green airport

    TELECOM

    Smart school / Mini trincea fibra ottica

    TOSHIBA – ANSALDO TD

    Efficientamento corsi acqua / Efficientamento energetico Museo Chiossone / Polo tecnologico

    Project Manager della città di Genova per la gestione dei progetti Smart City in ambito europeo la società di consulenza in campo ingegneristico D’Appolonia, il cui apporto ha permesso aGenova diaggiudicarsi tre bandi europei per i progetti Smart City per un finanziamento complessivo pari a circa sei milioni di euro. I bandi riguardavano “pianificazione strategica sostenibile delle città”, “riscaldamento e raffreddamento”, “efficientamento energetico degli edifici”.

    Sul fronte della pianificazione va riconosciuta l’importanza strategica del SEAP – Sustainable Energy Action Plan (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) – che ha rappresentato il punto di riferimento per l’avviamento del progetto europeo. Va ricordato che il SEAP era stato redatto dal Comune in quanto firmatario del Patto dei Sindaci, iniziativa europea a sostegno degli enti locali attivi nell’attuazione di politiche di sostenibilità energica e riduzione delle emissioni.

    • In concreto quindi il progetto Genova Smart City cosa può portare alla città di Genova?

    In primis va detto che l’Associazione Genova Smart City non è sorta al solo scopo di aggiudicarsi i progetti etichettati “smart”. La sua finalità principale è infatti quella di mettere a sistema le diverse competenze delle realtà che vi hanno aderito. Proprio per questo è stato costituito un Comitato Tecnico Scientifico[1] che ha individuato ben 25 progetti, suddivisi nelle quattro matrici accennate in precedenza – Edifici Efficienti / Mobilità Sostenibile / Energia / Porto – che sono poi stati integrati in un unico progetto complessivo denominato “Progetto Città Genova Smart City”. Per ogni matrice si procederà quindi alla selezione di un singolo progetto per il quale richiederne il finanziamento, valutandone parametri quali la bancabilità, la creazione di posti di lavoro, l’induzione di modifiche comportamentali, la creazione di consapevolezza.

    In occasione invece del bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation” presentato dal Miur, la città di Genova ha effettuato un cluster con altre realtà urbane italiane e sulle 12 idee progettuali presentate ben 7 sono state selezionate per la realizzazione dei progetti esecutivi.

    [1] A presidio del Comitato Tecnico Scientificola Prof.ssa Paola Girdinio – Delegato del Rettore per il coordinamento scientifico del progetto “Smart City” del Comune di Genova.

    • Parlando di mobilità sostenibile quali sono le maggiori criticità genovesi? E cosa si intende in concreto con Sistema Integrato di Infomobilità?

    Una tra le principali criticità della mobilità genovese è la presenza del porto all’interno della città ed il conseguente passaggio obbligato del flusso merci all’interno del centro storico cittadino.

    Questo causa un pesante stress sulle arterie centrali della città che soffrono di un eccessivo congestionamento determinato dal sovrapporsi della mobilità commerciale a quella privata. Dall’ampio utilizzo della mobilità su gomma dipende inoltre anche il livello di inquinamento dell’aria e di emissioni climalteranti, inevitabili per questa tipologia di trasporto.

    Attraverso lo sviluppo di una forma di mobilità più sostenibile si intende correggere questa problematica inducendo un drastico cambiamento della ripartizione modale a favore di una migliore vivibilità e qualità degli spazi pubblici. In tal senso è importante sviluppare nuovi progetti e spingere alla ricerca di finanziamenti privati.

    In generale parlando di Sistema Integrato di Infomobilità ci riferiamo ad sistema basato su un costante flusso informativo, ovvero sulla costante rilevazione dei dati di traffico, sia attuale che previsto, e sulla relativa comunicazione mirata al cittadino. Inoltre, è basilare l’introduzione di mezzi di trasporto a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    e di relativi punti di ricarica per utilizzo sia pubblico che privato, per passeggeri e per merci.

    • In che modo l’approccio verso l’innovazione tecnologica influisce sulla partecipazione attiva del cittadino e quali sono le ricadute sociali che ne derivano?

    La matrice “social” va considerata come un’estensione del concetto europeo di Smart City, che Genova Smart City ha implementato alle “classiche” attività di riduzione delle emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    e di miglioramento dell’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    .

    La matrice “social” pone l’accento sulla cultura, sul turismo e sull’invecchiamento attivo perseguendo lo sviluppo di nuove applicazioni tecnologiche – ad esempio collegamenti telematici – per aumentare la qualità della vita del cittadino. Munito degli strumenti necessari il cittadino potrà così acquisire un nuovo modo di vivere la città in maniera attiva.

    Con queste finalità è stato avviato un apposito progetto formativo presso le scuole elementari che si propone di spiegare agli alunni il concetto di “smart”. E’ inoltre allo studio con alcune TV locali la realizzazione di un programma televisivo anch’esso dedicato alla divulgazione di concetti “smart” per un diretto coinvolgimento della cittadinanza.

    • A suo parere qual è l’elemento che non può assolutamente mancare in questo cammino di Genova verso la sostenibilità?

    Sicuramente il forte impegno e la grossa volontà da parte di aziende ed enti di ricerca devono essere affiancati da un attivo coinvolgimento da parte degli Enti Locali, perché solo attraverso una stretta sinergia tra questi tre attori sarà possibile far fronte ai bisogni “smart” di Genova.

    Per sensibilizzare maggiormente la PA si sta quindi pensando di avviare degli appositi corsi di formazione rivolti ai dipendenti comunali, così che essi stessi diventino un esempio per i cittadini.

    14 Maggio 2013

    Paola Girdinio

    Membro del Consiglio di Amministrazione, Università degli Studi di Genova
    Facoltà di Ingegneria

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button