NewsRinnovabiliGeotermiaStakeholder energiaIngvFedora Quattrocchi

GEOTERMIA E RICERCA DEL SOTTOSUOLO: RISORSA “NO-CRIM” A DISPOSIZIONE DELL’ECONOMIA MERIDIONALE

    La geotermiageotermia
    È una forma di energia termica accumulata nelle profondità terrestri grazie al flusso di calore proveniente dal mantello e dal nucleo del pianeta. Lo sfruttamento dell’energia geotermica avviene soltanto in zone particolari dove questo fenomeno è particolarmente attivo (per esempio in prossimità di vulcani, geyser, soffioni, ecc…). Essa trova impiego sia nella produzione di energia elettrica che nella produzione di calore per usi industriali o civili (geotermia a bassa entalpia).
    nel Sud può attrarre molti investimenti e rappresentare una vera risorsa, può farlo perché è sistemicamente capace di scoraggiare le infiltrazioni criminali e può favorire l’impegno di giovani imprenditori se sostenuti dallo Stato attraverso politiche lungimiranti. Un comparto dall’alto valore potenziale in tutte le regioni del Mezzogiorno (particolarmente in quelle dell’obiettivo convergenza, come sottolineato dal progetto VIGOR), ognuna con varie applicazioni di questa fonte: dal riscaldamento/raffrescamento alla produzione elettrica, fino agli usi termali e turistici.

    Un comparto che può sfruttare nel Meridione d’Italia i bonus previsti dall’incentivo, data la grande quantità di territori mai interessati da progetti geotermici – in greenfield – che possono rimettere in moto quell’industria di esplorazione del sottosuolo fondamentale non solo per l’uso del potenziale geotermico, ma anche per la ricerca di tutte quelle risorse della terra, in particolare materie prime e metalli, fondamentali per realizzare tecnologie e infrastrutture. Quest’ultime, ad esempio, indispensabili per quella rivoluzione smart citysmart city
    Espressione dall’inglese che significa “Città Intelligente” ed indica, in senso lato, un ambiente urbano in grado di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, spaziando dal settore prettamente energetico a quello della gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti. La città intelligente riesce a conciliare e soddisfare le esigenze dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni, grazie anche all’impiego diffuso e innovativo delle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), in particolare nei campi della comunicazione, della mobilità, dell’ambiente e dell’efficienza energetica.
    e smart gridsmart grid
    Trattasi di una rete di informazione che affianca la rete di distribuzione elettrica e gestisce la rete elettrica in maniera “intelligente” sotto vari aspetti o funzionalità ovvero in maniera efficiente per la distribuzione di energia elettrica evitando sprechi energetici, sovraccarichi e cadute di tensione elettrica. Ciò avviene attraverso un sistema fortemente ottimizzato per il trasporto e diffusione della stessa, dove gli eventuali surplus di energia di alcune zone vengono redistribuiti, in modo dinamico ed in tempo reale, in altre aree oppure regolando costantemente il dispacciamento tra centrali di autoproduzione elettrica da fonti rinnovabili della rete di distribuzione (generazione distribuita) con le centrali elettriche della rete di trasmissione (produzione centralizzata).
    che auspica di trasformare il Sud e l’Italia intera.

     
    Come spiega Fedora Quattrocchi, responsabile Unità funzionale “Geochimica dei Fluidi, StoccaggioStoccaggio
    Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
    geologico e Geotermia”, sezione Sismologia e Tettonofisica dell’Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia, In termini di potenziale geotermico «il Meridione d’Italia è molto più ricco del Nord, anche perché si tratta di zone molto meno densamente abitate». Per fare pochi esempi: «In Puglia ci sono zone di faglie mosse negli ultimi secoli, come quella di Manfredonia o di Apricena Poggio Imperiale,  la faglia del Candelaro, la piana di Foggia, dove c’è presenza di acqua calda. Sono siti dove si può fare media entalpia»; con cui è possibile anche la produzione elettrica.
     
    Nel corso della “39th Courseof the International School of Geophysics” tenuto a Erice alla fine di settembre, «abbiamo fatto vede un grafico per la Sicilia che considera due modelli: un insieme dei fattori predisponenti per la geotermia e uno dei fattori di rischio. Unendo i due modelli si è creata una mappa della Sicilia in cui si riscontrano le aree più idonee. Questo sistema ha destato il grande interesse per i player stranieri presenti».
     
    Nonostante il valore potenziale accennato, non sempre si riesce a integrare le necessità dei progetti geotermici con quelle del mercato attuale. Condizione che molto spesso ha premiato nel Sud la diffusione di impianti rinnovabili di più immediato ritorno. «Spesso si preferiscono progetti che hanno un ritorno per l’investitore entro i primi cinque anni, mentre la geotermia ha dei ritorni sui dieci. Ecco, questo è un problema, perché soprattutto il giovane imprenditore è disincentivato a puntare sulla geotermia rispetto ad altre filiere di più rapido ritorno, soprattutto alla luce del sistema di incentivazione che c’è stato nel passato».
     
    In questo modo però, prosegue la professoressa Quattrocchi: «Si fa morire il settore della “economic geology”, che permette di fare una ricerca di base molto accurata, oltre alla ricerca applicata, per ritrovare le materie prime, elementi fondamentali per creare quelle smart grid o smart city di cui tutti parlano. Terre rare, rame, litio, selenio, elementi che nessuna impresa nazionale cerca, mentre ci sono interi Paesi africani comprati a pezzi per questo motivo da realtà cinesi, inglesi o francesi. Basti pensare al litio necessario per le batterie, fondamentali per gestire l’integrazione delle rinnovabili sulla rete».
     
    Una delle critiche consolidate (e ormai entrata di diritto nell’immaginario collettivo grazie anche alla fiction televisiva italiana) è l’accusa di collusione tra la realizzazione di impianti da fonti di energiafonti di energia
    Sorgenti di energia o sostanze dalle quali può essere prodotta energia utile direttamente o dopo trasformazione. Le fonti di energia possono essere classificate in diversi modi a seconda del contesto di riferimento: risorse esauribili (principalmente petrolio, gas naturale, carbone, legna); risorse rinnovabili (tutte quelle derivanti direttamente o indirettamente dall’energia solare, dal calore endogeno terrestre e dalle maree); risorse primarie (utilizzabili direttamente come si trovano in natura: petrolio, carbone, gas naturale, legna); risorse secondarie (in cui l’energia deriva dalla trasformazione dell’energia primaria in altra forma di energia, ad esempio idroelettrico, energia elettronucleare eccetera); risorse commerciali ( ovvero soggette a transazioni commerciali e quindi facilmente quantificabili, derivanti da quattro tipi principali di fonti: carbone, petrolio, gas naturale, elettricità primaria); risorse non commerciali (non soggette a transazioni commerciali: ad esempio residui di coltivazioni, legna di sottobosco eccetera nei Paesi in via di sviluppo; sebbene assenti dal commercio internazionale in alcuni Paesi rivestono grande importanza); risorse tradizionali (derivanti da prodotti vegetali o animali: legna, carbone di legna, torba, sterco essiccato).
    rinnovabili e criminalità a vario livello. È pensabile una commistione di questo tipo anche per il geotermico al Sud?
    «No, perché la filiera geotermica è talmente complessa, soprattutto dal punto di vista della ricerca scientifica che è sempre necessaria, con un continuo bisogno dell’università, ad esempio, e con aziende generalmente dalle “spalle larghe”. Certamente, una strada per tenere lontani gli interessi criminali dalle FER sia modulare l’incentivo sulla produzione di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    e non sul solo installato». Dunque, la geotermia come un settore no criminalità: “No-Crim”!
     
    Le operazioni del sottosuolo, tradizionalmente, generano una forte apprensione nella società civile e nelle comunità locale che di volta in volta sono interessate da progetti geotermici, di estrazione degli idrocarburiidrocarburi
    Composti chimici formati da carbonio e idrogeno che costituiscono il petrolio e il gas naturale. Esistono diverse classificazioni degli idrocarburi a seconda dei legami chimici presenti nelle molecole.
    , di stoccaggio di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    (CCS), e d’infrastrutturazione generale. Tale apprensione si traduce in un immediato sfogo di protesta e contestazione che genera l’ormai noto effetto NIMBY (not in my back yard), senza che la politica locale riesca a intervenire con un approccio realmente laico su argomenti e discussioni. Se a ciò si aggiunge una generale disinformazione su tecniche e scienza del sottosuolo, sia a livello di amministrazioni locali (più gravemente), sia a livello di cittadinanza (più o meno colpevolmente), se ne deriva un atteggiamento pregiudizievole per qualsiasi attività del sottosuolo, anche quando esse prevedono un approccio di sostenibilità per il territorio. A ciò si aggiunge, infine, che la politica locale vive di voti e i progetti del sottosuolo, quando generano panico e ansia nella popolazione, tolgono consensi a chi li asostiene, prescindendo dal beneficio economico e sociale che ne potrebbe derivare.

     
    Data la forte influenza dei poteri locali sulle attività energetiche territoriali, è forte il dibattito sulla possibilità di rivedere quanto previsto dalla riforma del Titolo V del 2001, riconsegnando alcune competenze, particolarmente in materia di energia, al solo Stato centrale, fuori dunque dalle materie concorrenti con le Regioni. Una necessità su cui si è mosso recentemente lo stesso Governo Monti.
     
    «Quello cui aspiro – conclude la professoressa Quattrocchi – è una fase in cui lo Stato si prende cura di condurre le perforazioni – come avviene, ad esempio, in nuova Zelanda – cominciando ad aiutare l’operatore a condurre questa fase, anche con una forma di ritorno dell’investimento successivo per lo Stato». Da valutare però «il problema delle Regioni, che ha un meccanismo di quasi ricatto verso l’imprenditore, data la loro ricerca di consenso e di voto. La geotermia, come ogni operazione del sottosuolo, toglie voti al politico. Dato ciò, deve essere un settore di competenza dello Stato e non delle Regioni. In Italia abbiamo un sottosuolo dello Stato che è gestito dalla Regione, la quale non ha interessi di visione generale, ma localistici. Prendiamo ad esempio la Basilicata, dove i Comuni hanno un forte potere di veto. Gli enti locali, infine, devono dotarsi maggiormente di persone in grado di comprendere le varie materie che le scienze del sottosuolo implicano, anche in modo da poter dare maggiore sicurezza ai cittadini».  
     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *