Clorofluorocarburi (cfc)

    Sostanze chimiche costituite da molecole complesse che contengono cloro, fluoro e carbonio, utilizzati come refrigeranti negli impianti frigoriferi e negli impianti di condizionamento o come propellenti nelle bombolette spray.
    Sostanze chimiche costituite da molecole complesse che contengono cloro, fluoro e carboniocarbonio
    Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell’atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante., utilizzati come refrigeranti negli impianti frigoriferi e negli impianti di condizionamento o come propellenti nelle bombolette spray. Oggi il loro utilizzo è soggetto a progressive limitazioni a causa del loro elevato potenziale di danneggiamento dello strato di ozono (fenomeno conosciuto come “buco dell’ozono”). Quando giungono nella stratosfera, infatti, i CFC reagiscono in presenza della luce solare cedendo cloro che successivamente reagisce con l’ozono contribuendo ad assottigliarne lo spessore.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button