NewsAmbienteStakeholder energiaMattm - Min.ambiente

Il Ministro Prestigiacomo firma quattro decreti di pronuncia di compatibilità ambientale ed esprime parere favorevole per una VAS

    Il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo ha firmato quattro decreti di pronuncia di compatibilità ambientale:

    • per il progetto VIA/AIA congiunto per la Raffineria di Taranto dell’Eni (“Adeguamento stoccaggiostoccaggio
      Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
      del greggiogreggio
      Petrolio estratto che non ha ancora subito un processo di raffinazione.
      proveniente dal giacimento Tempa Rossa”);
    • per il metanodottometanodotto
      Condotto adibito al trasporto di gas (in inglese, pipeline).
      Flaibano/Istrana della Snam Rete Gas
      , tra Udine e Treviso;
    • per il progetto del gasdottogasdotto
      Condotta adibita al trasporto di gas (pipelinepipeline
      Condotta adibita al trasporto di gas.
      , in inglese).
      sottomarino della Progas MetanoMetano
      Idrocarburo che rappresenta il costituente principale del gas naturale.
      “componente il sistema di trasporto e distribuzionedistribuzione
      Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
      di gas naturalegas naturale
      Idrocarburo che ha un’origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un’alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2CO2
      Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

      ), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S). all’Isola di Procida (Napoli), nel tratto di mare tra il lago del Fusaro (Bacoli) e la zona porto dell’isola di Procida”;

    • per il decommissioningdecommissioning
      Attività multidisciplinare che si applica agli impianti in fase di demolizione, rinnovamento o costruzione. L’obiettivo principale è la bonifica della zona di edificazione della centrale nucleare attraverso lo smaltimento del combustibile irraggiato e delle scorie di lavorazione e successivo stoccaggio.
      della centrale nuclearecentrale nucleare
      Le centrali nucleari hanno uno schema di funzionamento del tutto simile a quelle di una classica centrale a vapore. La differenza sta nel modo in cui viene generato il calore. Infatti nelle centrali nucleari non ci sono i generatori di vapore classici, ma il vapore viene generato utilizzando il calore messo a disposizione dalla reazione nucleare di fissione. Questa consiste in una reazione a catena nella quale alcuni atomi colpiti da neutroni si dividono in atomi più leggeri dando origine ad altri neutroni che colpiscono altri atomi,ecc… liberando un enorme quantitativo di energia secondo il principio di Einstein. Le centrali nucleari che sfruttano la fusione sono ancora in fase di studio.
      di Latina ad opera della Sogin
      (“Disattivazione accelerata per il rilascio incondizionato del sito. Fase 1”).

    Inoltre il Ministro ha espresso parere motivato favorevole alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del progetto strategico per il recupero economico-produttivo delle aree ex CIP ed ex Carbonchimica incluse nel S.I.N. di Fidenza, nell’area produttiva ecologica attrezzata “Marconi”.

    La Raffineria di Taranto è stata già oggetto di un decreto di AIA (nel maggio 2010) e, in precedenza, aveva avuto anche un parere di compatibilità ambientale relativo al progetto di integrazione di un’unità Hydrocracking nell’unità esistente, per la conversione con idrogenoidrogeno
    Primo elemento della tavola periodica, presente sulla Terra in forma combinata, soprattutto nell’acqua e nei composti organici. Esso è costituito da 3 isotopi: prozio (cioè l’idrogeno propriamente detto) per più del 99.9 %, il deuterio e il trizio. La forma molecolare dell’idrogeno (H2) dà origine ad un gas inodore, incolore, altamente infiammabile e molto più leggero dell’aria (ecco perché lo si trova in bassissime concentrazioni in atmosfera).
    dei prodotti pesanti. Il progetto di adeguamento delle strutture della Raffineria di Taranto per lo stoccaggio e la movimentazione del greggio proveniente dal giacimento Tempa Rossa consiste in diverse opere, tra cui la costruzione di un nuovo impianto pre-raffreddamento greggio Tempa Rossa e di due nuovi impianti di recupero vapori a integrazione dell’esistente, uno per la gestione dei vapori da caricamento greggio Tempa Rossa e uno per la gestione dei vapori da caricamento greggio Val d’Agri.

    Il progetto del metanodotto Flaibano-Istrana fa parte del programma di potenziamentopotenziamento
    Operazioni grazie a cui è possibile aumentare la potenza di un impianto, migliorandone allo stesso tempo il rendimento.
    delle Rete nazionale individuato da Snam Rete Gas per l’incremento delle capacità di trasporto della rete nell’area sudorientale del Friuli e lungo le dorsali principali di trasporto che attraversano il Friuli e il Veneto in direzione est-ovest. Il nuovo metanodotto sarà realizzato in sostituzione dell’attuale condottacondotta
    Rete di tubazioni adibite al trasporto di combustibili (gas e petrolio) dai luoghi di produzione ai luoghi di stoccaggio, di imbarco, di trattamento e di consumo.
    , nell’ottica di ottimizzare l’utilizzo del territorio.

    Il progetto del gasdotto sottomarino di Procida prevede una cabina principale di decompressione e misura, una condotta di trasporto terrestre e una sottomarina in media pressione M.P. (terza specie) – opere già realizzate per il sistema di trasporto per l’isola di Ischia nonché rese idonee per il progetto del gasdotto di Procida – e una condotta di trasporto sottomarina in media pressione M.P. (terza specie), opera che sarà realizzata ex-novo.

    La centrale di Latina, in esercizio commerciale dal 1964 al 1986, è uno degli impianti nucleari soggetti all’attività di decommissioning gestita dalla Sogin. Il combustibile nuclearecombustibile nucleare
    Sostanza i cui nuclei atomici sono fissili, ovvero, se colpiti da neutroni, danno luogo ad atomi più leggeri liberando contemporaneamente un’elevatissima quantità di energia termica. Tipicamente il combustibile nucleare per eccellenza è l’uraniouranio
    Elemento metallico radioattivo che si trova sottoforma di ossidi o sali nelle rocce, nel suolo, nell’aria e nell’acqua. L’uranio, così come si trova in natura, è costituito da tre isotopi: l’uranio 238 (per il 99.9 %), l’uranio 235 (l’uranio fissile impiegato come combustibile nelle centrali nucleari) e l’uranio 234, in piccolissime tracce.
    . Per analogia con i fossili, tali sostanze vengono definite combustibili, anche se in realtà esse vengono sottoposte ad un processo fisico di “disintegrazione” e non chimico (come nel caso della combustione).
    è stato allontanato dal sito già dal 1991 e il circuito primario, depressurizzato, è stato svuotato dell’anidride carbonica. L’impianto è attualmente gestito in sicurezza. Oggetto del provvedimento di VIA è la “riduzione dell’impianto e mantenimento in sicurezza dell’impianto ridotto”.

    Il provvedimento di VAS relativo al progetto strategico speciale per il recupero economico-produttivo delle aree ex CIP ed ex Carbonchimica incluse nel S.I.N. di Fidenza, nell’area produttiva ecologicamente attrezzata “Marconi”, riporta il parere motivato favorevole con alcune raccomandazioni da parte del Ministero dell’Ambiente, sulla base del parere della Commissione tecnica di valutazione ambientale e delle specifiche indicazioni da parte del Ministero per i Beni culturali e sulla scorta delle indicazioni della Sovrintendenza archeologica di Bologna e di quella per i Beni architettonici e paesaggistici delle Province di Parma e Piacenza.

     

    Fonte: Min. Ambiente, 20/09/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *