NewsAmbienteEfficienza & RisparmioSostenibilitàStakeholder energiaUnione EuropeaEfficienza Energetica

“Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace” – Dall’UE arriva la campagna per promuovere nuove eco-soluzioni

    Azione per il clima: la Commissione dà il suo sostegno a imprese, gruppi ambientalisti e università per promuovere soluzioni innovative ai problemi climatici

    Connie Hedegaard, commissaria europea responsabile dell’Azione per il clima, ha avviato oggi una campagna di comunicazione paneuropea in collaborazione con più di 70 organizzazioni provenienti da tutta Europa. All’insegna del motto “Il mondo che ti piace. Con il clima che ti piace” la campagna intende focalizzare su soluzioni pratiche il dibattito sui cambiamenti climatici e dimostrare che l’azione per il clima può aumentare il benessere dei cittadini europei e portar loro vantaggi economici.

    In Europa è possibile trovare moltissimi esempi di soluzioni intelligenti e innovative ai problemi climatici che riducono l’inquinamento da CO2 e contemporaneamente migliorano la qualità di vita dei cittadini.

    A Stoccolma, ad esempio, la stazione centrale converte il calore corporeo dei pendolari e lo utilizza per riscaldare uffici situati nelle vicinanze, non solo riducendo le emissioni ma generando anche risparmi del 20-25% sulla bolletta energetica dell’immobile. In Danimarca, la scuola Gedved, a Horsens, riesce a risparmiare 30 000 EUR all’anno sulla bolletta energetica grazie all’energia solareenergia solare
    Energia radiante derivante dal Sole e che raggiunge la Terra sotto forma di radiazione elettromagnetica. Ad oggi esistono fondamentalmente due modi per sfruttare l’energia solare direttamente: attraverso i pannelli solari (per la produzione di energia termica ed elettrica), pannelli fotovoltaici (per la produzione di energia elettrica). L’energia dal Sole è fondamentale anche per lo sviluppo delle altre forme di energia rinnovabili (per esempio per la crescita della biomassa, per i moti dei venti, per il ciclo idrologico delle acque, ecc..).
    . Le risorse così risparmiate sono investite nell’istruzione.

    Si tratta di soluzioni vantaggiose per tutti — nelle quali il risparmio di denaro, va di pari passo con quello di tempo ed emissioni — e che sono state messe al centro della campagna di comunicazione varata dalla commissaria Hedegaard presso il municipio di Londra.

    La scelta sta a noi: possiamo AGIRE sulla base delle conoscenze che già sono a nostra disposizione in materia di cambiamenti climatici.Oppure possiamo restare a guardare senza muovere un dito, mentre le cose peggiorano. Entrambe le opzioni hanno un costo.

    Quindi perché non scegliere di creare il mondo che ci piace, con il clima che ci piace — mentre siamo ancora in tempo? Con questa campagna vogliamo porre al centro del dibattito delle soluzioni concrete e scoprire cosa ci impedisce di metterle in opera”, ha dichiarato Connie Hedegaard.

    Incentrata su un sito internet disponibile nelle 23 lingue dell’UE, la campagna è concepita come una piattaforma per la partecipazione attraverso la quale i singoli cittadini, le imprese e i gruppi locali potranno caricare sulla piattaforma, promuovere e discutere le loro soluzioni a basse emissioni di carboniocarbonio
    Elemento chimico costituente fondamentale degli organismi vegetali e animali. È alla base della chimica organica, detta anche chimica del carbonio: sono noti più di un milione di composti del carbonio. È molto diffuso in natura, ma non è abbondante: è presente nella crosta terrestre nella percentuale dello 0,08% circa, e nell’atmosfera prevalentemente come monossido (CO) e biossido (CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    ) di carbonio (anidride carbonica). Allo stato di elemento si presenta in due differenti forme cristalline: grafite e diamante., partecipando così a un concorso paneuropeo per trovare le soluzioni migliori e più originali.

    I partenariati tra organizzazioni che perseguono gli stessi obiettivi sono un elemento centrale della campagna. Più di 70 organizzazioni hanno già confermato la loro partecipazione, comprese associazioni imprenditoriali, università, organizzazioni non governative e istituzioni pubbliche. L’intenzione è quella di attrarre ancora altri partner via via che la campagna prende piede.

    Alla cerimonia di apertura intitolata “Idee per il mondo che ti piace”, i partner e i cittadini sono scesi in campo con la commissaria Hedegaard, il ministro britannico per l’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    e i cambiamenti climatici Ed Davey, il ministro spagnolo dell’ambiente Federico Ramos de Armas e altri oratori e, insieme, hanno avviato il dibattito. Gli interventi sono trasmessi in diretta in streaming sulla pagina Facebook della campagna ed è possibile far pervenire contributi via Twitter.

    Verranno organizzati altri eventi in diversi Stati membri, come Bulgaria, Italia, Polonia e Portogallo, nel biennio 2012-2013.

    Contesto

    La campagna proseguirà fino alla fine del 2013 e mira a valorizzare soluzioni già esistenti, ed efficienti sotto il profilo dei costi, per il conseguimento dell‘obiettivo dell’UE di una riduzione delle emissioni di gas a effetto serraeffetto serra
    Fenomeno fisico per cui alcuni gas contenuti nell’atmosfera (anidride carbonica, vapore acqueo, metano, ecc..) intrappolano il calore proveniente dal sole facendo in modo che la temperatura media sulla Terra permetta la vita delle varie specie. Il meccanismo è simile a quello che avviene in una serra, da cui il nome. Tuttavia l’aumento e, dunque, la situazione di squilibrio della concentrazione di tali gas è causa di un eccessivo riscaldamento della superficie del pianeta con conseguenze anche pesanti sugli ecosistemi, su scala globale.
    dell’80-95% entro il 2050.

    Essa si iscrive nel solco della “tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050”, presentata dalla Commissione nel marzo 2011, che stabilisce percorsi per una riduzione considerevole ed efficiente sotto il profilo dei costi delle emissioni da parte dei principali settori economici. La tabella di marcia indica che lo sviluppo di un’economia a basse emissioni di carbonio richiederà maggiori investimenti in tecnologie pulite e infrastrutture, ad esempio in reti elettriche intelligenti, e ridurrà quindi drasticamente le spese per l’importazione di petroliopetrolio
    Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
    e gas.

    A medio termine, cioè entro il 2020, l’UE mira a ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, a migliorare l’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    del 20% e ad aumentare la quota di energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    nel suo mix energetico del 20%. Attualmente, le emissioni dell’UE sono inferiori ai livelli del 1990 di oltre il 17%.

    Ulteriori informazioni

    La presentazione viene trasmessa in diretta in streaming sulla pagina Facebook della campagna: www.facebook.com/EUClimateAction. Per la discussione su Twitter: #wordulike.

    Sito web della campagna: http://world-you-like.europa.eu. I comunicati stampa e le fotografie sono disponibili sul sito.

    Comunicato Stampa IP/12/1076 Commissione Europea

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button