NewsMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaA2a

Il Progetto di mobilità elettrica e-moving entra nel vivo a Brescia

    Brescia – Alla presenza del Sindaco Adriano Paroli e del Presidente del Consiglio di Gestione A2A, Giuliano Zuccoli, sono stati consegnati i primi veicoli del progetto e-moving Renault Z.E. Entra nel vivo il progetto per la sperimentazione della mobilità elettrica a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    nella città lombarda.

    I veicoli saranno utilizzati per svolgere i servizi di raccordo tra i diversi uffici e per la movimentazione della documentazione tra i diversi settori dell’amministrazione comunale, sperimentando nelle attività quotidiane funzionalità, vantaggi e fruizioni di una mobilità al 100% elettrica.

    La conferenza stampa tenutasi a Palazzo Loggia e alla quale hanno preso parte anche il Vicesidaco, Fabio Rolfi, il Direttore Generale Area Tecnica di A2A, Paolo Rossetti, il vicepresidente del Consiglio di Gestione A2A, Vittorio Cinquini e il Direttore Comunicazione e Public Affairs di Renault Italia, Andrea Baracco, ha fatto registrare un grande interesse da parte della stampa

    E’ uno start up importante per la nostra città – ha commentato Adriano Paroli – che segnala l’attenzione di questa amministrazione per la vivibilità del tessuto urbano e per il suo impatto ambientaleimpatto ambientale
    L’insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l’avvio di una determinata attività ha sull’ambiente naturale circostante.
    . Grazie all’autonomia e all’efficienza dei veicoli progettati da Renault, e con la partecipazione di A2A, sarà possibile munirsi di un’autovettura capace di coprire le esigenze di mobilità cittadina di gran parte dei bresciani, riducendo considerevolmente i costi per il carburante e migliorando gli indici di inquinamento atmosferico
    “.

    Comunicato stampa A2A, 24/01/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button