NewsEfficienza & RisparmioRinnovabiliFotovoltaicoStakeholder energiaOrizzontenergia.itScenari FuturiEfficienza Energetica

IN ARRIVO LA NUOVA PELLICOLA PER RICARICARE LO SMARTPHONE GRAZIE AL FOTOVOLTAICO

    Se anche voi fate parte dell’ampia schiera di consumatori in possesso di uno smartphone aprite bene le orecchie perché è in arrivo dalla Francia una nuova tecnologia che potrebbe rivoluzionarne il sistema di ricarica.

    Brevettata dalla francese WYSIPS, questa particolare pellicola a film sottile, dovrebbe consentire di attenuare un rilevante aspetto critico che accomuna tutti i telefoni di ultima generazione, ovvero la scarsa durata della loro batteria, letteralmente prosciugata dai processori in un giorno o poco più.

    Un’innovazione di questo genere potrebbe tra l’altro contenere i consumi energetici legati alla ricarica dei dispositivi mobili, con notevoli ricadute positive.

    Pensate che secondo alcune stime al 2030, l’uso cospicuo degli smartphone potrebbe influire per circa il 10% sul totale dei consumi energetici mondiali.

    Anche se ad oggi l’impiego del fotovoltaico a film sottile sugli smartphone è ancora in fase di sperimentazione ed ottimizzazione – dato che la pellicola progettata dalla WYSIPS garantisce purtroppo una potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    ancora troppo marginale –  offre comunque  interessanti prospettive per una futura indipendenza delle apparecchiature mobili dalla rete elettricarete elettrica
    Insieme delle linee elettriche, delle stazioni elettriche e delle cabine elettriche adibite alle operazioni di trasmissione e distribuzione dell’elettricità. La rete elettrica può essere ad alta tensione (da 40 a 380 kV), a media tensione (da 1 a 30 kV) o bassa tensione (380 V).
    .

    Lo scopo della WYSIPS è infatti quello di triplicare entro il 2014 le prestazioni odierne e perché no, grazie alla flessibilità che contrassegna tale tecnologia, di renderla applicabile non solo alla telefonia, bensì ad un’intera classe di dispositivi mobili.

    Che dire, un interessante sguardo al futuro per una concezione più green della tecnologia.

    Orizzontenergia.it

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *