NewsEfficienza & RisparmioStakeholder energiaLegambienteEcobuildingEfficienza Energetica

Innovazione e sostenibilita’ in edilizia

    Nasce OISE, l’osservatorio Fillea Cgil – Legambiente.

     

    Elaborare un quadro annuale sull’evoluzione dell’edilizia sostenibile in Italia, fornire un aggiornamento in tema di innovazione sostenibile, fare il punto sullo stato dell’arte nel settore e sui più recenti progetti e temi, per promuovere e migliorare le pratiche e gli interventi sul territorio: con questi obiettivi nasce l’Osservatorio Fillea Cgil – Legambiente sul tema dell’innovazione e sostenibilità nel settore edilizio – OISE, che presenterà il suo primo rapporto annuale nel giugno del 2012.

    L’osservatorio metterà assieme le competenze del Centro Studi Fillea, già attivo con la sezione Tecnologie, e quelle di Legambiente, con il compito di elaborare un Dossier che affronterà tre aspetti dell’innovazione in edilizia, quella energetica, dei materiali e nelle tecnologie, dei processi di recupero e riutilizzoriutilizzo
    Qualsiasi operazione nella quale il materiale, concepito e progettato per poter compiere, durante il suo ciclo di vita, un numero minimo di spostamenti o rotazioni è riusato di nuovo o reimpiegato per un uso identico a quello per il quale è stato concepito.
    dei
    materiali.

    Per Walter Schiavella, segretario generale della Fillea, la scelta di realizzare questo lavoro comune tra edili Cgil e l’associazione “nasce dalla comune consapevolezza che non è più sostenibile il modello di crescita illimitata e l’uso indiscriminato delle risorse. Per questo diventa necessaria una riflessione seria sull’attuale modo di vivere, di produrre e di costruire, che per il sindacato significa anche individuare le ricadute in termini occupazionali-formativi che lo sviluppo del settore sostenibile rappresenta nel futuro del settore delle costruzioni.”

    Per Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente “lavoreremo insieme per dare forza ad un nuovo modello di sviluppo dell’abitare, che faccia perno su una corretta pianificazione urbanistica e si basi sull’uso razionale del suolo e delle risorse, sul recupero delle aree già edificate e sulla riqualificazione energetica del patrimonio già esistente, che punti alla sostenibilità sociale, ambientale ed economica e al miglioramento della qualità della vita nelle nostre città”.

     

    Fonte: Legambiente, 04/08/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button