NewsAmbienteEfficienza & RisparmioPompa Di CaloreSostenibilitàEcobuildingEfficienza Energetica

La casa di alghe: un toccasana per l’efficienza energetica e la sostenibilità

    A Læsø, isola in Danimarca, c’è una casa vacanze costruita completamente con un insolito materiale a Km0: le alghe.

    Questa particolare idea di bioedilizia è stata realizzata in collaborazione dalla fondazione Readania Byg e dallo studio di architettura Vandkunsten tra l’estate 2012 e luglio 2013, e prende spunto da un precedente programma per la conservazione delle case tradizionali presenti sull’isola. Il progetto dimostra che l’alga, proprio come il legno,  possiede un ottimo potere isolante e può ridurre a un livello molto basso la quantità di emissioni nocive di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    .

    Lo scopo infatti, è proprio quello di utilizzare materiali organici trascurati dall’edilizia “canonica” per privilegiare soluzioni con contenuta Carbon footprint.  

     L’alga, oltre a essere perfetta a questo scopo –  viene infatti raccolta direttamente dal mare ed essiccata al sole o al vento – sembrerebbe essere un materiale edile molto sicuro: non è infiammabile, non marcisce, non attira i parassiti.  Inoltre, è fondamentale sottolineare il suo valore isolante, considerato al pari della lana minerale.

    Nel realizzare questo particolare esemplare di ecobuilding il team danese ha prestato particolare attenzione all’efficienza energeticaefficienza energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    e alla sostenibilità ambientale: lo spessore delle pareti, l’istallazione di pompe di calore e di speciali finestre limitano enormemente il dispendio energetico. Con un consumo previsto di 20 kWhkWh
    Unità di misura dell’energia elettrica equivalente a 1.000 Wh (wattora), ovvero 1.000 W forniti o richiesti in un’ora.
    /mq/anno,  la casa soddisfa a pieno i rigorosi standard stabiliti per gli edifici a basso consumo energetico in Danimarca.  

    L’isola di Læsø è a un’ora e mezzo di navigazione da Frederikshavn, la città più vicina. «I turisti – commenta Jørgen Søndermark , Project Manager della fondazione Realdania Byg – in questo modo possono non solo fermarsi per una tazza di caffè, ma anche soggiornare per una notte. Nasce come casa vacanze estiva, ma è costruita in modo che possa essere utilizzata tutto l’anno. Mi auguro che possa essere una fonte di ispirazione per molti colleghi». 

    Orizzontenergia.it

    Potrebbe anche interessarti…

    News

    News

    News

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button