ArticoliOrizzontenergia.itStakeholder EnergiaSostenibilità EnergeticaSostenibilitàAutore: Orizzontenergia

La sostenibilità energetica a portata di click: sbarca on-line il sito del progetto Eureka!

  • Autore: Orizzontenergia

Con il lancio del nuovo sito web www.progettoeureka.it si concretizza appieno la filosofia di Eureka! progetto a valenza nazionale che, con il patrocinio di ENEA e RSE, mira a creare una community dove fare cultura dell’energiaenergia
Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
e confrontarsi sul reale significato della parola sostenibilità.

www.progettoeureka.it

Non esiste una visione unica e veritiera in ambito energetico, soprattutto se dettata da mode, interessi produttivi o da una metodologia che non prenda in considerazione le molteplici sfaccettature della tematica e le diverse dimensioni coinvolte.

La peculiarità di Eureka è l’aver posto al centro la PERSONA e, di conseguenza, l’ambiente, il patrimonio culturale ed architettonico, il benessere del singolo e lo sviluppo sociale.

c

Articolato in 4 macro sezioni, www.progettoeureka.it racconta la vera essenza del progetto La filosofia; la metodologia che porterà alla realizzazione del primo indice per misurare la sostenibilità globale di una tecnologia energetica Il metodo; presenta le personalità che stanno contribuendo alla realizzazione del progetto La nostra struttura; ed ospita un’area dedicata alla comprensione del concetto di sostenibilità ed alla sua storia La sostenibilità.

Qualche accenno in più sul nostro metodo: l’indice di sostenibilità energetica Eureka! sarà il risultato di un percorso virtuale in cui l’utenteutente
Soggetto che consuma elettricità o gas.
potrà simulare la realizzazione di un impianto di generazione elettrica con tecnologia, taglia e localizzazione territoriale a sua discrezione.

Al termine di questo percorso l’utente sarà più consapevole rispetto agli impatti che la sua scelta energetica ha sulle tre dimensioni della sostenibilità: ambiente, economia e società, perché scegliere, quando si parla di generazione elettrica – carbonecarbone
Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
, gas, idroelettrico, eolico, fotovoltaico, biomassabiomassa
In generale si identifica con biomassa tutto ciò che ha matrice organica ad eccezione delle plastiche e dei materiali fossili. Come indicato nel decreto legislativo del 29 Dicembre 2003 n. 387, per biomassa si intende ” la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonchè la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani “. Ciò che accomuna le diverse tipologie di biomassa è la presenza di carbonio che mette a disposizione un elevato potere calorifico eventualmente sfruttabile per fini energetici.
, biogasbiogas
Miscela di gas prodotti in seguito ad un processo di digestione anaerobica di materiale organico di origine vegetale e animale. Alcuni batteri provvedono a decomporre il materiale organico, in ambiente privo di ossigeno, producendo una miscela gassosa formata da metano (50÷70%), anidride carbonica (35÷40%) e tracce di altri gas. Le materie prime utilizzabili sono residui agricoli, zootecnici dell’industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui.
, geotermico – significa consapevolezza.

Il lancio dello strumento web di simulazione avverrà il prossimo settembre in occasione di un convegno che si terrà a Roma, presso il Senato, al quale saranno presenti le più alte cariche istituzionali, nonché gli esperti del nostro Comitato Tecnico Scientifico con i quali stiamo delineando i parametri e i quesiti che accompagneranno l’utente nel percorso verso la comprensione del concetto di sostenibilità energetica globale ed i componenti del nostro Comitato di Indirizzo che garantiscono invece sull’equilibrio e l’integrità del modello di simulazione finale.

L’universo Eureka!

www.progettoeureka.it

Ad oggi ci troviamo in una delle fasi cardini del progetto, ovvero stiamo ultimando la raccolta delle testimonianze dei vari stakeholder legati direttamente o indirettamente al mondo della generazione elettrica.

Stiamo infatti intervistando produttori, consumatori, sindacati, associazioni di categoria, ambientalisti, centri di studio e ricerca, istituzioni e università* chiedendo loro di attribuire dei differenti pesi in termini di rilevanza ai vari impatti che una tecnologia energetica può avere su ambiente, economia e società. Dalla media dei valori ottenuti in quest’indagine emergeranno quindi i valori che verranno utilizzati per la costruzione del modello sottostante lo strumento di simulazione.

*Ad oggi hanno fornito il loro contribuito: ENEA, RSE, Assoelettrica, MISE, AIEE, Coordinamento FREE, Fondazione per lo Sviluppo SostenibileSviluppo Sostenibile
Lo sviluppo sostenibile è quel tipo di sviluppo che garantisce i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere il futuro delle generazioni a venire. I tre obiettivi dello sviluppo sostenibile sono: prosperità economica, benessere sociale e limitato impatto ambientale. La prima definizione, risalente al 1987, è stata quella contenuta nel rapporto Brundtland, poi ripresa successivamente dalla Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo dell’ONU.
, WEC Italia, CESI, REF-E, Nomisma Energia, Aiget, Università di Roma, Milano, Bologna, Pisa, Cagliari, Padova, Salento, Foggia, Cassino, Perugia, Molise, Trento, Siena, Università Bocconi, Politecnico di Milano, Kyoto Club, Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici Province Pisa e Livorno, Coldiretti, FLAEI-Cisl, EnergyLab, ANEV, Arpa, Assocarboni, Energia Concorrente, assoRinnovabili, Anigas, Agenzia Europea dell’Ambiente, CIRIAF, ISPI, CTI.

Abbiamo inoltre avviato la selezione dei più significativi casi di eccellenza per filiera (carbone, gas, idroelettrico, eolico, fotovoltaico, biomassa, biogas, geotermico) da segnalare nell’apposita sezione dedicata ai best case che sarà presto on-line sul sito. Siamo infatti convinti che solo attraverso delle azioni concrete sia possibile contribuire a promuovere la diffusione della cultura energetica, elemento chiave per una crescita sostenibile del Paese che concili attività economiche, responsabilità sociale d’impresa, tutela dell’ambiente e conservazione del patrimonio odierno per le generazioni futurefuture
Contratto a termine standardizzato, stipulato all’interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l’obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
.

Per maggiori informazioni sulle modalità di partnership rivolgersi alla segreteria di coordinamento del progetto:

[email protected]

Cel. +39 335 2414 97

Tel. +39 02 8969 2184  +39 02 8969 2246

Buona navigazione su www.progettoeureka.it!

Tags
Show More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button