NewsAmbienteEfficienza & RisparmioRisparmio EnergeticoSostenibilitàEfficienza Energetica

Le Regioni più Green d’Italia

    Piemonte, Lazio, Umbria, Veneto, Toscana e Sicilia sono le regioni più virtuose per quanto riguarda il risparmio energeticorisparmio energetico
    Con questo termine si intendono tutte le iniziative intraprese per ridurre i consumi di energia, sia in termini di energia primaria sia in termini di energia elettrica, adottando stili di vita e modelli di consumo improntati ad un utilizzo più responsabile delle risorse.
    e il rispetto dell’ambiente.

    Lo evidenziano le ultime analisi di Avvenia (www.avvenia.com), leader nazionale della sostenibilità ambientale e della White Economy. A primeggiare nell’ambito del risparmio energetico nel settore del vetro sono le imprese piemontesi con il 90% dei progetti, mentre il Lazio vince nel settore farmaceutico, primeggiando con una quota dell’80% su tutte le altre città italiane.

    Poi ancora, al terzo posto per settore nella graduatoria stilata da Avvenia, si classifica l’Umbria con il 75% dei progetti siderurgici, seguita dal Veneto con il 70% nel settore dell’edilizia.

    Prime nel settore alimentare sono invece la Toscana con il 30% dei progetti e la Sicilia con il 25%. Queste le regioni più virtuose d’Italia in base all’analisi dei progetti di risparmio energetico presentati nei primi 6 mesi del 2014 dalle imprese italiane.

    Progetti che secondo le stime di Avvenia consentiranno di emettere Titoli di Efficienza EnergeticaEfficienza Energetica
    Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell’ impatto ambientale e dei costi associati.
    per un valore complessivo di oltre 200 milioni di euro
    , con significativi benefici sia sul versante energetico che su quello ambientale. 

    Fonte: Avvenia

     

            Potrebbe anche interessarti…

    Approfondimento

    News

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button