NewsEnergia & MercatoStakeholder energiaTernaGmeAssoelettricaElettricità

Luglio 2015, domanda elettrica molto ‘calda’, come i prezzi

    21 luglio 2015 il consumo di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    è stato molto elevato, tanto che potrebbe essere stato raggiunto un nuovo record storico per quanto riguarda il fabbisogno elettrico del nostro Paese. Ieri i dati provvisori in tempo reale che compaiono sulla pagina web di Terna sono arrivati ad indicare due picchi di consumo quasi uguali in orari diversi, un fabbisogno massimo di 57.268 MW alle ore 11.45 ed un fabbisogno di 57.287 MW alle ore 15.15. Tra le ore 11 e le 17 del giorno 21 il fabbisogno si è mantenuto quasi costante ed a valori molto elevati superiori a 56,5 GW. I valori di potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    indicati in real time da Terna sono in parte stimati, devono essere verificati e possono subire correzioni anche di diverse centinaia di megawatt. Se il precedente record è stato superato il nuovo fabbisogno massimo verrà con tutta probabilità comunicato nella giornata di oggi da Terna SpaTerna Spa
    È la società responsabile della trasmissione e del dispacciamento dell’energia elettrica sulla rete ad alta e altissima tensione su tutto il territorio italiano. In particolare, Terna si occupa della programmazione, dello sviluppo e della manutenzione della rete.
    .  Il record in carica è recentissimo ed è stato raggiunto Il 7 luglio scorso alle ore 16 con 56.883 MW di domanda, una potenza di punta circa 400 MW inferiore al fabbisogno (provvisorio) raggiunto martedì 21.

    Nella giornata di mercoledì 22 luglio il picco di domanda è stato ancora superiore rispetto ai valori sopra indicati, sono in particolare gli esiti del mercato elettricomercato elettrico
    Mercato dove si effettua l’acquisto e la vendita di energia elettrica attarverso un sistema di contratti bilaterali o attraverso la borsa elettrica. Il prezzo viene determinato dall’incontro tra la domanda e l’offerta di energia elettrica da parte dei vari operatori che vi partecipano.
    che hanno fatto pensare che la richiesta poteva raggiungere un nuovo record. Il prezzo medio dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    elettrica
     del 22/7 su MGP (mercato del giorno primamercato del giorno prima
    Mercato in cui viene contrattata l’energia elettrica, tramite offerte di vendita e acquisto, per ogni ora del giorno successivo. Dall’incrocio tra la curva della domanda (stimata) e la curva di offerta si definiscono i prezzi, le quantità oggetto di scambio e i programmi di immissione/prelievo di energia per garantire costantemente l’equilibrio su tutta la rete.
    ) ha superato i 105 €/MWh (martedì 21/7 erano ‘solo’ 80,49 €/MWh). Sono molti i fattori che concorrono alla determinazione dei prezzi e tra questi si possono comprendere gli elevati volumi totali giornalieri (borsa+fuori borsa) che hanno raggiunto 1,018 TWh. Su base zonale si è sfiorato un prezzo orario di 140 €/MWh (alle ore 15 ed alle ore 16 in zona Nord).

    I picchi elevati di consumo elettrico, e di conseguenza i prezzi elevati, sono dovuti all’ondata di caldo che ha avvolto il Paese, in occasione del record del 7 luglio Terna aveva rimarcato in un comunicato stampa come ad ogni grado in più sopra i 25 gradi si debba stimare un aumento della domanda elettricadomanda elettrica
    Quantità di energia elettrica che deve transitare sulla rete calcolata come la somma dei consumi degli utenti e delle perdite sulla rete. È sinonimo di fabbisogno elettrico.
    tra gli 800 e i 1.000 megawatt. Le temperature del 7 luglio erano infatti di circa 5°C superiori alle medie stagionali.

    Per avere un’idea di come viene prodotta l’energia elettrica alla punta in giorni di caldo estremo e quindi con cielo sereno sulla maggior parte dell’Italia può risultare utile vedere i dati relativi alla generazione elettrica resi disponibili dal transparency report di Terna per il giorno 7 luglio (attuale record di fabbisogno). Nel grafico seguente è indicata la produzione elettrica per fonte (Ex post data on actual generation), non sono compresi i dati sulle importazioni di energia elettrica. Il 7 luglio alle 16 si è raggiunto il picco di domanda di 56.883 MW, le importazioni dall’estero (non riportate nel grafico) assommavano a circa 5 GW e la produzione alla punta alle ore 16.00* è stata coperta per il 59% circa da termoelettrico (che comprende la quota di impianti alimentati a biomasse, biogasbiogas
    Miscela di gas prodotti in seguito ad un processo di digestione anaerobica di materiale organico di origine vegetale e animale. Alcuni batteri provvedono a decomporre il materiale organico, in ambiente privo di ossigeno, producendo una miscela gassosa formata da metano (50÷70%), anidride carbonica (35÷40%) e tracce di altri gas. Le materie prime utilizzabili sono residui agricoli, zootecnici dell’industria agro-alimentare, acque e fanghi reflui.
    e bioliquidi), per il 19% da fotovoltaico, per l’ 1,5% da eolico, per l’1,3% da geotermoelettrico e per il 20% da idroelettrico (il 3% ad acqua fluente).

    Produzione elettrica del 07/07/2015 - Dati Terna

    (*) Nel grafico il valore di potenza in corrispondenza delle ore 16.00 non rappresenta un valore istantaneo ma il dato orario 15.00-16.00

    AGGIORNAMENTO del 22/7 ore 14.20

    Alle ore 14 di mercoledì 22 i dati provvisori messi a disposizione da Terna indicano che alle ore 11.45 è stato raggiunto un picco di fabbisogno di 57.775 MW, superiore di circa 500 MW al picco raggiunto lunedì 21/7 alla stessa ora e quindi superiore di circa 900 MW al picco massimo di fabbisogno raggiunto il 7/7.

    Gli esiti del mercato elettrico (MGP) indicavano per il 23/7 un’ulteriore impennata del prezzo dell’energia elettrica a 127,46 €/MWh e volumi giornalieri totali di 1,033 TWh.

    AGGIORNAMENTO del 29/7 ore 9.50

    I dati di Assoelettrica

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button