NewsEnergia & MercatoStakeholder energiaGmeElettricità

Mercato elettrico Italia, ottobre 2015

    Ad ottobre, gli scambi di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    nel Mercato del Giorno PrimaMercato del Giorno Prima
    Mercato in cui viene contrattata l’energia elettrica, tramite offerte di vendita e acquisto, per ogni ora del giorno successivo. Dall’incrocio tra la curva della domanda (stimata) e la curva di offerta si definiscono i prezzi, le quantità oggetto di scambio e i programmi di immissione/prelievo di energia per garantire costantemente l’equilibrio su tutta la rete.
    segnano un modesto incremento su base annua (+0,5%), dopo la più consistente crescita osservata nei mesi estivi sostenuta prevalentemente dai maggiori acquisti per il condizionamento degli ambienti.

    Italia: Mercato elettrico, ottobre 2015Le importazioni di energia si riportano su livelli importanti (circa 6.400 MWh medi orari) anche se in lieve flessione rispetto ad un anno fa (-1,6%), mentre tra le vendite nazionali, in aumento dell’1,1%, si segnala la ripresa delle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    (+8,8%)
    ed in particolare della fonte idraulica ed eolica.

    Ancora in aumento la liquidità del mercato che si attesta a 67,5%. Il prezzo medio di acquisto (PUN), al terzo ribasso congiunturale, scende a 47,66 €/MWh, minimo storico per il mese di ottobre.

    Nel Mercato a Termine dell’energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    si rileva una flessione dei prezzi dei prodotti negoziati, ad eccezione dell’Anno 2016 baseload stabile a 47,00 €/MWh.

    >>> per approfondire consulta il Report GME | Ottobre 2015

    Fonte: GME

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button