NewsAmbienteStakeholder energiaRegione VenetoMattm - Min.ambiente

MINAMBIENTE – GRANDI NAVI A VENEZIA – LUPI E ORLANDO: TEMPI CERTI PER LA SCELTA DELLA SOLUZIONE

    Questa la decisione emersa questa mattina alla riunione svoltasi presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti convocata dal ministro Maurizio Lupi sull’emergenza grandi navi a Venezia. Per il governo era presente anche il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando.

    Hanno partecipato: il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, il presidente dell’Autorità portuale Paolo Costa, il comandante delle Capitanerie di porto ammiraglio Felicio Angrisano e il presidente della Clia Europe (associazione europea degli armatori del settore crocieristico) Manfredi Lefebvre d’Ovidio

    Fatta la ricognizione del problema e delle criticità esistenti, la riunione si è conclusa con un aggiornamento al 25 luglio prossimo.

    Si è convenuto che:

    1. Gli obiettivi da salvaguardare sono due. Primo, la Tutela dell’Ambiente inteso in senso lato, come Impatto AmbientaleImpatto Ambientale
      L’insieme degli effetti (diretti e indiretti, nel breve o nel lungo termine, positivi o negativi, ecc..) che l’avvio di una determinata attività ha sull’ambiente naturale circostante.
      sulla Laguna delle soluzioni che verranno proposte e come compatibilità di scala delle navi che passano nel canale della Giudecca e nel bacino di San Marco. Secondo, la salvaguardia del valore economico del turismo per la città di Venezia e per la regione Veneto.
    2. C’è accordo generale sull’applicazione, senza ulteriori dilazioni temporali, del decreto Passera-Clini, che vieta il passaggio delle navi oltre le 40mila tonnellate nella Giudecca e a San Marco. Quei grattacieli galleggianti non devono più passare da lì.
    3. Sono state prese sinora, e sono in atto, tutte le misure che garantiscono la sicurezza (velocità delle navi, traino, uso del GasolioGasolio
      Prodotto derivante dalla distillazione del petrolio greggio. Viene utilizzato soprattutto per alimentare motori Diesel oppure negli impianti di riscaldamento civile. Nei motori Diesel, detti anche ad accensione spontanea, il gasolio viene iniettato nel cilindro dove trova aria molto compressa (anche 40 volte la pressione ambiante). Per poter essere impiegato nei motori il gasolio deve avere determinate caratteristiche, per esempio una buona capacità di accensione (soprattutto alla basse temperature) e un opportuno potere lubrificante.
      Meno Inquinante
      ) ed è stato chiesto alla Capitaneria un ulteriore impegno per eventuali altre misure da adottare nel periodo transitorio.
    4. Ci si è dati un tempo preciso per le decisioni: nella riunione del 25 luglio verranno presentate le proposte per l’alternativa all’attuale percorso, quelle già in fase avanzata di studio e altre che verranno approntate.

    Abbiamo individuato un percorso con tempi certi – ha dichiarato il ministro Lupi uscendo dalla riunione – in cui l’autorità marittima, l’autorità portuale e il Comune di Venezia ci portino soluzioni mature con tempi e costi per l’attuazione. Il percorso individuato oggi è l’unico modo con cui non si dilazionano i tempi e ci si assume la responsabilità, condivisa da tutti, che davanti a Venezia le grandi navi non passino più”. Per il ministro Orlando ‘l’incontro è stato molto positivo: “abbiamo ottenuto il risultato che ci eravamo prefissi: un termine certo per la presentazione dei progetti, su cui ci pronunceremo dal punto di vista della fattibilità ambientale ed economica, e la richiesta di un pacchetto di norme sul transitorio che disciplinino nel frattempo i passaggi nella Laguna”.

    Fonte. MINAMBIENTE

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button