NewsEnergia & MercatoEnergy StorageMobilitàMobilità 2.0Auto ElettricaMobilità SostenibileStakeholder energiaOperatoriGli Stakeholder Dell'energiaAbb

Mobilità: ABB progetta 38 stazioni di ricarica per viaggiare dall’Irlanda all’Italia

    Sesto San Giovanni (Milano), 2 agosto 2016 – ABB, Gruppo leader nelle tecnologie per l’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    e automazione, fornirà 4 stazioni di ricarica veloce multistandard posizionate tra Genova e Beausoleil (Mentone). Le colonnine non saranno collocate lungo l’Autostrada dei Fiori, ma nelle immediate vicinanze di alcune sue uscite non ancora selezionate. Ciò consentirà loro di poter essere utilizzate in entrambi i sensi di marcia e servire i comuni vicini
    Le installazioni rappresentano il contributo di ABB al progetto Unit-E, parte del più ampio programma della Commissione Europea Connecting Europe Facility (CEF), cui il Gruppo partecipa in consorzio con EDF Group (EDF SA, EDF Luminus e Sodetrel), BMW, Nissan, Renault, École des Ponts, Porto Antico di Genova e Istituto Internazionale delle Comunicazioni.

    Scopo del progetto, cofinanziato con fondi europei, è l’installazione di un totale di 38 stazioni di ricarica completamente interoperabili distribuite tra Regno Unito, Belgio, Francia e Italia. Grazie alle prese multi-standard e a una piattaforma di scambioscambio
    Scambio tra energia elettrica immessa ed energia elettrica prelevata, nel caso in cui l’immissione e il prelievo avvengono in momenti differenti.
    dati comune tra gli operatori dei diversi Paesi, le infrastrutture Unit-E consentiranno a tutti i veicoli elettrici d’Europa di essere ricaricati liberamente, senza vincoli imposti dall’operatore nazionale di provenienza. Si tratta di un progetto ambizioso che, entro fine 2017, collegherà tutta l’Europa da Dublino a Genova con colonnine di ricarica veloce ogni 50 km circa.

    Serviranno meno di 30 minuti alle auto che transiteranno lungo i 180 km della tratta Genova-Mentone per ricaricarsi completamente: le 4 colonnine ABB a ricarica veloce, prodotte nel sito italiano di Terranuova Bracciolini (AR), abbatteranno infatti i tempi di attesa permettendo a coloro che intendono muoversi utilizzando vetture elettriche sulle lunghe distanze di farlo senza ansia da ricarica. Le 4 stazioni di ricarica potranno servire oltre 20.000 veicoli elettrici all’anno i quali, percorrendo il tratto Genova – Mentone, comporteranno una riduzione delle spese sanitarie per danni alla salute dovuti all’inquinamento e di quelle relative alle spese per import di energia con evidenti benefici per la collettività.

    “Ancora una volta la tecnologia ABB si dimostra preziosa per accelerare il percorso del nostro Paese verso un modello più smart. Mi auguro che progetti come questo si moltiplichino in Italia, rendendo sempre più ampia e diffusa l’infrastruttura a sostegno della mobilità sostenibile.” Ha commentato Mario Corsi, Amministratore Delegato di ABB S.p.A. “Siamo fieri di contribuire a dimostrare le potenzialità di un approccio più sostenibile al tema della mobilità: penso ai sistemi di ricarica per i veicoli elettrici privati oltre che a quelli nati per il trasporto pubblico. Ma non ci fermiamo qui: per noi mobilità sostenibile significa anche trasporto ferroviario, navale e porti verdi”. 

    ABB è anche impegnata nel trasporto pubblico urbano come dimostra la recente fornitura di 13 stazioni di ricarica ultra rapida che verranno dislocate lungo una linea di autobus elettrici a Ginevra nell’ambito del progetto denominato TOSA. Si tratta della tecnologia di ricarica più veloce al mondo in quanto impiega meno di un secondo per collegare il bus al punto di ricarica mentre le batterie di bordo possono essere ricaricate in 15 secondi con un’immissione di 600 kilowatt di potenzapotenza
    Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
    durante la fermata dell’autobus. Un’ulteriore carica di 4-5 minuti consente una ricarica completa delle batterie presso i capolinea. 

    La rete di stazioni di ricarica Unit-E si integra con le installazioni in fase di realizzazione del programma TEN-T (Trans-European Networks – Transport), di cui hanno fatto parte i progetti Corri-Door e RCN, e rende il viaggio su strada attraverso l’Europa con veicoli esclusivamente elettrici una realtà. Il punto di arrivo previsto dal progetto Unit-E è il Porto Antico di Genova, città che rappresenta una delle più significative palestre di applicazione di soluzioni tecnologiche innovative. ABB è inoltre partner tecnologico del Comune di Genova nel progetto finalizzato a farne una delle prime smart citysmart city
    Espressione dall’inglese che significa “Città Intelligente” ed indica, in senso lato, un ambiente urbano in grado di agire attivamente per migliorare la qualità della vita dei propri cittadini, spaziando dal settore prettamente energetico a quello della gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti. La città intelligente riesce a conciliare e soddisfare le esigenze dei cittadini, delle imprese e delle istituzioni, grazie anche all’impiego diffuso e innovativo delle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), in particolare nei campi della comunicazione, della mobilità, dell’ambiente e dell’efficienza energetica.
    italiane ed europee, nonché dell’Università degli Studi del capoluogo ligure per realizzare tecnologie con benefici sempre maggiori in termini di prodotti e servizi per i cittadini.

    L’offerta di ABB per la mobilità elettrica comprende soluzioni per qualunque tipo di applicazione e dimensione di installazione, con stazioni di ricarica standard in corrente alternata e di ricarica veloce, sia in corrente alternata che in corrente continua. A questo si aggiungono realizzazioni innovative per infrastrutture private e pubbliche, compreso il trasporto urbano, realizzando un sistema di trasporto urbano a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    . Infine, la soluzione di ricarica si arricchisce di una piattaforma software per il monitoraggio e il controllo remoto via internet dalle apparecchiature in un’ottica di Internet of Things, Services and People (IoTSP). 

     

    Comunicato stampa: ABB

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *