NewsMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaOrizzontenergia.itNews: Mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile: Energica Motor

    Energica Motor Company S.p.A. è la prima azienda italiana di moto elettriche ad elevate prestazioni, nata nel 2009 dall’esperienza del Gruppo CRP. Il Gruppo CRP rappresenta un centro d’eccellenza per le tecnologie all’avanguardia: con i suoi oltre 45 anni di esperienza si inserisce tra i player mondiali per le lavorazioni meccaniche CNC di precisione, per la Fabbricazione Additiva e per i suoi materiali per sinterizzazione laser Windform®.

    Il progetto si è arricchito fin dal l’inizio di tutto il know-how del Gruppo CRP, dalla direzione tecnica, al supporto ingegneristico fino alla nascita di una linea “premium” di moto elettriche. L’esperienza che contraddistingue il Gruppo CRP è completamente integrata nel progetto Energica.

    Il know-how di CRP nel mondo della F1 e dell’industria aerospaziale, mantengono Energica all’avanguardia e pronta per futurefuture
    Contratto a termine standardizzato, stipulato all’interno di un mercato regolamentato, in cui chi lo sottoscrive si prende l’obbligo di acquistare o vendere un determinato bene ad una data e prezzo prefissati.
     innovazioni tecnologiche. Il 2016 di Energica è un anno importante: dopo 5 anni di ricerca e progettazione e superate tutte le prove di omologazione, l’azienda ha iniziato la produzione e la distribuzionedistribuzione
    Attività di trasporto (di elettricità o di gas) agli utilizzatori finali attraverso le reti di distribuzione.
    delle sue moto, uniche per tecnologia e prestazioni. A gennaio Energica si è quotata sul mercato AIM Italia, dopo soli 3 giorni di quotazione il titolo è stato definito “best performer”.

    Pochi mesi più tardi, Energica ha portato a termine il trasferimento nel nuovo stabilimento, sito nella provincia di Modena, il cuore della Motor Valley Italiana, dove sono realizzati i modelli di punta Energica Ego (la supersportiva elettrica) ed Energica Eva (la streetfighter elettrica), e dove sarà prodotta la nuova old-school elettrica Eva EsseEsse9.

    Eva EsseEsse9

    La factory Energica di circa 3.000 mq è il quartier generale e base per la distribuzione delle due ruote Energica verso la rete internazionale di importatori.

    Oggi Energica conta circa 45 professionisti interni tra progettisti, ingegneri, sviluppatori, meccanici e commerciali.

     

    Quali sono i vostri obiettivi di crescita nel breve e nel lungo periodo?

    Ad Eicma 2017 e al CES 2018 abbiamo presentato un nuovo modello, Eva EsseEsse9, una moto elettrica di ispirazione “old-school”. Questo terzo modello si aggiunge alla gamma Energica composta dalla supersportiva Ego e dalla streetfighter Eva. Il nostro obiettivo è raggiungere i 5.000 veicoli in 4/5 anni.

    Commercialmente parlando abbiamo iniziato l’anno in forte crescita, aggiungendo l’Irlanda alla nostra rete vendita. Con quest’ultimo accordo abbiamo raggiunto un’ottima copertura europea del brand e ne siamo molto orgogliosi. In America abbiamo una divisione dedicata, Energica Motor Company Inc., con un team americano, un General manager, un Dealer&Service Centre nel cuore della Bay Area ed una rete di concessionari in crescita.

    Parallelamente poche settimane fa siamo stati scelti da Dorna come unico costruttore del prossimo campionato di moto elettriche FIM Moto-e World Cup.

    Energica_Ego Lunar

    Questa scelta per noi è sicuramente la consacrazione del nostro prodotto come punto di riferimento indiscusso a livello mondiale per il settore delle moto elettriche ad alta prestazione, ed è la conferma dell’ottimo lavoro fatto fino ad oggi.

     

    Nel settore della mobilità italiana, quali sono i principali ostacoli a cui dovete far fronte? Secondo la vostra visione qual è la condicio sine qua non per consentire al settore di crescere rapidamente?

    I principali ostacoli sono certamente la mancanza di colonnine, i ritardi nella loro implementazione e la mancanza di incentivi all’acquisto di un veicolo elettrico. Per consentire una crescita adeguata, il mercato elettricomercato elettrico
    Mercato dove si effettua l’acquisto e la vendita di energia elettrica attarverso un sistema di contratti bilaterali o attraverso la borsa elettrica. Il prezzo viene determinato dall’incontro tra la domanda e l’offerta di energia elettrica da parte dei vari operatori che vi partecipano.
    ha assolutamente bisogno di una rete di infrastrutture di ricarica ben strutturata.

    Con la crescita di una ramificata rete il motore endotermico non ha proprio più senso, né a livello di costi di produzione e distribuzione dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    stessa, né per quanto riguarda l’inquinamento.

    Non ci stanchiamo mai di dire che il vero game changer è proprio il fast charge, il sistema di ricarica veloce, a cui noi abbiamo creduto fin dall’inizio del nostro progetto integrando in tutte le moto Energica la tecnologia di ricarica rapida DC sulla base CCS Combo.

    Energica fast chargeL’Italia sta recuperando il ritardo rispetto ad altri paesi europei, noi per primi abbiamo investito nei punti di ricarica installando insieme ad Alperia una colonnina fast charge da 50 kWkW
    Unità di misura della potenza equivalente a 1.000 Watt.
    a Selva di Val Gardena
    . Grazie al nostro punto di ricarica, il primo fast delle Dolomiti, è possibile fare il classico giro motociclistico dei 4 Passi in tutta tranquillità.

    In più Enel ha installato ad ottobre i primi 30 punti fast charge del programma Eva+ “elettrificando” la tratta Roma-Milano con una infrastruttura di ricarica ogni 60 km circa.

     

    Ad oggi gli utenti iscritti ai servizi di car-sharing o moto sharing ed i possessori di veicoli elettrici, utilizzano i veicoli principalmente all’interno delle aree urbane. Quando credete che questi servizi e veicoli troveranno fruizione ed utilizzo anche al di fuori dei confini cittadini?

    La tecnologia sta avanzando, attualmente le nostre moto hanno un’autonomia media di 150/200 km, che permette al motociclista di utilizzare il proprio mezzo non solo in città ma anche nelle gite fuori porta. Con una rete ramificata di punti di ricarica i veicoli elettrici possono essere utilizzati in qualsiasi modalità, come già succede in altri paesi (es. Olanda).

    Il mercato sta dando segni di un inarrestabile crescita: nel 2017 i veicoli plug-in venduti a Settembre erano oltre le 764.000 unità, 46% maggiore dello stesso periodo nel 2016. La Germania e molti piccoli mercati stanno crescendo di oltre il 100% del volume di anno in anno.

    Per quanto riguarda il nostro segmento – High-Performance Electric Motorcycle – gli analisti si aspettano che raggiunga i 338 milioni di dollari entro il 2021.

     

    Intervista a Livia Cevolini, CEO Energica, a cura di Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button