NewsMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaOrizzontenergia.itNews: Mobilità sostenibile

Mobilità sostenibile: MiMoto

    MiMoto è il primo scooter sharing elettrico made in Italy al mondo attivo nella città di Milano. Il nostro cliente, tramite App sul proprio smartphone, avrà l’opportunità di noleggiare 100 eScooter di colore giallo in città. Senza chiavi, senza vincoli di stazioni di ricarica o stalli, evitando problemi di parcheggio e inutili code nel traffico cittadino. 

    MiMoto Milano

     

    Per noi, i primi mesi sono stati molto positivi in termini di utenti iscritti, in termini di corse giornaliere in linea con i competitor europei attivi da più tempo e in termini di risposta del pubblico. I principali nostri clienti sono i giovani lavoratori attenti alla proprio portafoglio, ma che non vogliono rinunciare alla propria indipendenza. Sono sportivi, attenti all’ambiente e “trendsetter“.

     

    Quali sono i vostri obiettivi di crescita nel breve e nel lungo periodo?

    MiMoto

    Stiamo già pensando al futuro e lavorando per renderlo più radioso possibile. Stiamo già pianificando l’aumento di flotta su Milano, l’apertura in un’altra città italiana e una straniera, ma per ora non possiamo rivelare niente.

    Fin da quando abbiamo pensato a questo progetto, la nostra intenzione è stata sin da subito quella di portare la nostra idea in giro per il mondo per fornire un servizio utile ai nostri utenti e porci al fianco delle amministrazioni comunali contro inquinamento atmosferico e acustico.

     

    Nel settore della mobilità italiana, quali sono i principali ostacoli a cui dovete far fronte? Secondo la vostra visione qual è la condicio sine qua non per consentire al settore di crescere rapidamente?

    Per quella che è la nostra (poca) esperienza, i principali ostacoli risiedono nei pochi spazi per i ciclomotori presenti nelle città per far fronte al problema atavico del parcheggio, oltre all’ancora alta propensione all’utilizzo del mezzo privato. Last but not least, la percezione di poca efficienza del mezzo pubblico. Ora però il vento sta cambiando e servizi come il car sharing, il bike sharing e il nostro eScooter sharing stanno cambiando la cultura dei cittadini che sono sempre più attenti alle loro esigenze, ma allo stesso tempo, rispettosi dell’ambiente in cui vivono.

     

    Ad oggi gli utenti iscritti ai servizi di car-sharing o moto sharing ed i possessori di veicoli elettrici, utilizzano i veicoli principalmente all’interno delle aree urbane. Quando credete che questi servizi e veicoli troveranno fruizione ed utilizzo anche al di fuori dei confini cittadini?

    Ad oggi, MiMoto ha una zona operativa in cui rilasciare lo scooter, ma allargheremo l’area in maniera direttamente proporzionale all’aumento della flotta. A tendere, il concetto di area operativa sparirà.

    MiMoto scooter elettrico

     

    Come immaginate il settore della mobilità sostenibile nel 2030? Quanto sarà differente rispetto ad oggi? Pensate che l’offerta di soluzioni intermodali possa diventare una realtà?

    Assolutamente sì. La nostra vision è quella di una mobilità sempre più condivisa e sempre più integrata. Non crediamo di essere concorrenti di bike, car sharing, metro o treni, crediamo piuttosto che un domani, l’abitante delle nostre città avrà all’interno del proprio smartphone un’ampia gamma di scelte che gli consentiranno di abbandonare il mezzo privato e usufruire del servizio più adatto al tragitto che deve fare.

     

    Intervista a Vittorio Muratore, Founder – MiMoto, a cura di Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button