NewsNucleareStakeholder energiaAssocarboni

Nucleare: Chiusura temporanea per 4 unità di produzione della centale Tricastin a Drôme

    L’Autorità Francese per la Sicurezza NucleareNucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    (ASN) ha imposto una chiusura temporanea alle quattro unità di produzione della centrale nuclearecentrale nucleare
    Le centrali nucleari hanno uno schema di funzionamento del tutto simile a quelle di una classica centrale a vapore. La differenza sta nel modo in cui viene generato il calore. Infatti nelle centrali nucleari non ci sono i generatori di vapore classici, ma il vapore viene generato utilizzando il calore messo a disposizione dalla reazione nucleare di fissione. Questa consiste in una reazione a catena nella quale alcuni atomi colpiti da neutroni si dividono in atomi più leggeri dando origine ad altri neutroni che colpiscono altri atomi,ecc… liberando un enorme quantitativo di energia secondo il principio di Einstein. Le centrali nucleari che sfruttano la fusione sono ancora in fase di studio.
    Tricastin a Drôme
    , in Francia, fino al 2 novembre a causa delle preoccupazioni sulla sicurezza dei quattro generatori in caso di terremoto e per accertare la sicurezza del canale Donzère-Mondrago. 

    Dopo il rilascio dell’annuncio, i prezzi dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    francese sono saliti del 3%
    fino a EUR45.42 / MWh e anche il contratto Cal18 ha visto un aumento del 2% il 28 settembre per concludere a 42,40 EUR / MWh. ASN ha già ordinato l’ispezione di dodici reattori EDF, quali: Chooz B2, Paluel 4, Saint-Laurent-des-Eaux B2, Penly 1, Cruas 3, Dampierre 3, Belleville 2, Tricastin 3, Chinon B3, Nogent 1, Gravelines 2 e Bugey 3. 

    Ancora prima delle chiusure, il carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    a vapore in Francia è aumentato notevolmente nel mese di Luglio
    arrivando a 0,34 mt dai 0,14 mt di giugno e dai 0,07 mt del luglio 2016. Nei primi sette mesi del 2017 è raddoppiato fino a 2,16 mt rispetto ai 1,09 mt nello stesso periodo del 2016. La chiusura di 12 reattori rispetto allo scorso inverno ha portato ad un aumento del 90% circa l’anno, fino a 1,68 mt nel periodo dal novembre 2016 al gennaio 2017 rispetto ai 0,89 mt dello stesso periodo dell’anno precedente.

    Assocarboni

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *