NewsEnergia & MercatoPolitica EnergeticaNucleareStakeholder energiaForum Nucleare Italiano

NUCLEARE: CONTI, PUNTIAMO A TUTTE LE FONTI, COMPRESO CARBONE ENERGIA SI PUO’ E SI DEVE PRODURRE DA TUTTE LE TECNOLOGIE

    Dopo la moratoria sul nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    decisa dal governo come conseguenza dell’incidente di Fukushima, Enel e’ pronta ad utilizzare tutte le fonti e le tecnologie disponibili, compreso il carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    . A sottolinearlo e’ l’amministratore delegato del gruppo, Fulvio Conti, a margine della presentazione in Campidoglio del nuovo progetto fotovoltaicoDiamante‘ che sorgera’ a Roma a Valle Giulia. “Esistono tante tecnologie disponibili – ha spiegato – Anche se continuasse la moratoria, cercheremo di portare avanti progetti innovativi per produrre energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    a basso costo
    “, compreso “assolutamente” anche il carbone. L’Enel, ha proseguito, infatti “la tecnologia per renderlo pulito, non dannoso per la salute e a basso impatto in termini di emissioni“. Rispetto al nucleare, “le capacita’ sono equivalenti: 100 megawatt di una tecnologia nuclearecorrispondono a 100 megawatt di una tecnologia a carbone“. “Il problema – ha pero’ puntualizzato l’a.d. – e’ riuscire a convincere gli italiani che l’energia si puo’ e si deve produrre con tutte le tecnologie disponibili, incluso il carbone“. Conti ha quindi concluso precisando che bisogna tenere anche conto del fatto che “il nuovo nucleare e’ diverso dal vecchio“.

    (ANSA)

    Fonte: Forum Nucleare Italiano, 14/04/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button