NewsMobilitàMobilità SostenibileStakeholder energiaE.on

Nuove soluzioni per la ricarica di auto elettriche

    Stazioni di ricarica per i privati, sistemi integrati per la ricarica di flotte aziendali, stazioni pubbliche di ricarica veloce e sistemi a induzione senza cavi.

     

    Queste le novità presentate in occasione del Salone internazionale dell’automobile di Francoforte (IAA – International Automobil-Ausstellung)

     

    In particolare E.ON ha messo a punto nuove stazioni di ricarica per i garage privati, in grado di garantire una maggiore sicurezza e una maggiore efficacia rispetto all’utilizzo di cavi della corrente tradizionale, che risultano insufficienti per la tensionetensione
    Grandezza fisica che rappresenta l’energia necessaria a far fluire una carica elettrica tra due punti, per creare una corrente. Nel Sistema Internazionale si misura in Volt. Le linee elettriche possono essere ad altissima tensione (tensione nominale superiore a 150 kV), alta tensione (compresa fra 35 e 150 kV), media tensione (compresa fra 1 e 35 kV) e a bassa tensione (tensione inferiore a 1 kV).
    necessaria alla ricarica e possono surriscaldarsi. “Insieme a TÜV Sud riteniamo cruciale la sicurezza nelle operazioni di ricarica delle auto elettriche e sosteniamo l’utilizzo di sistemi di ricarica sicuri. La nostra offerta comprende l’utilizzo di energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    proveniente dalle nostre centrali idroelettriche, un contatore intelligente e tariffe flessibili: in questo modo la mobilità a zero emissionizero emissioni
    Obiettivo che si sono posti numerosi governi per la riduzione delle emissioni derivanti dai processi produttivi. Questo è possibile attraverso azioni di risparmio energetico e di miglioramento delle efficienza dei processi. Un esempio potrebbe essere l’instaurazione di un ciclo virtuoso per cui i rifiuti e le scorie di un’industria divengono materia prima per un’altra, valorizzando così tutte le risorse coinvolte. 
    diventa realtà” ha specificato Ruth Werhahn, responsabile per la mobilità di E.ON in occasione del Salone internazionale dell’automobile di Francoforte.

    Le soluzioni integrate offerte da E.ON, inoltre, sono sempre più utilizzate da aziende e amministrazioni locali per la ricarica della propria flotta elettrica. E.ON offre ai propri clienti un pacchetto completo che comprende la consulenza, l’analisi dei consumi, i dispositivi di ricarica insieme alla loro installazione e gestione, e la fornitura elettrica.

    Per quanto riguarda le stazioni pubbliche di ricarica, E.ON si sta principalmente focalizzando su sistemi di rifornimento veloce a corrente continua, in grado di garantire tempi di carica decisamente ridotti. Il Gruppo ha già installato la prima stazione per auto elettriche sull’autostrada tedesca A8, tra Monaco e Salisburgo, in grado di ricaricare completamente una batteria in meno di mezz’ora. Con lo sviluppo di questa tecnologia E.ON intende aumentare l’attrattività dei veicoli elettrici, contribuire alla loro diffusione anche tra gli utenti che non dispongono di un sistema di ricarica privato a casa propria. Inoltre, proprio in virtù dei rapidi tempi di ricarica, la gestione di questi strumenti è decisamente più economica delle stazioni tradizionali.

    Insieme a TÜV Sud, E.ON ha condotto un’intensa attività di test sulla sicurezza delle stazioni di ricarica senza fili. Sulla base dei positivi risultati dei test l’azienda può ora proseguire lo sviluppo di tali sistemi per la loro diffusione sul mercato.

     

    Fonte: Gruppo E.ON, 14/09/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button