NewsNucleareStakeholder energiaEnel

PALERMO: NUCLEARE CHIAMA, UNIVERSITA’ RISPONDE

    L’ateneo del capoluogo siciliano ha ospitato la seconda tappa del roadshow Enel nelle università italiane. Oltre ai benefici economici, occupazionali e ambientali, il nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    può rilanciare la ricerca

    L’abbattimento delle emissioni di CO2CO2
    Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell’atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).

    e il risparmio nei costi di produzione energetica; i benefici occupazionali e l’indotto per le imprese di miliardi di euro. Vantaggi che si trasformano in un input alla ricerca energetica e consegnano alle università italiane la possibilità di tornare ad essere protagonisti in un settore mai abbandonato, ma di certo trascurato dopo il referendum del 1987.

    Per i nostri laureati – ha affermato Giuseppe Vella, direttore del dipartimento di Ingegneria nucleare dell’ateneo palermitano – il nucleare è un’ottima occasione di occupazione“. Ed anche per questo l’università siciliana, tra le sedi storiche della ricerca nucleare in Italia, ha scelto di partecipare al Forum Nucleare Italiano come luogo di incontro, confronto e dialogo tra imprese, università e utilities dell’energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    .

    Come sottolineato da Francesco De Falco, AD di Sviluppo Nucleare Italia in una intervista rilasciata al Giornale di Sicilia in occasione dell’appuntamento di Palermo, “il nucleare non solo è la fonte più competitiva, ma anche quella più stabile di fronte a imprevedibili evoluzioni del mercato. Due parametri che, da un punto di vista strategico, costituiscono forti elementi a favore del nucleare per chiunque è interessato alla sicurezza energetica del Paese e a vedere ridotte le bollette elettriche“.

    Il rilancio dell’industria nucleare ha affermato Vincenzo Napoli, responsabile licensing e permitting di Sviluppo nucleare Italia – è uno dei fattori più importanti dell’equazione energetica che include il ricorso a tutte le fonti: il nucleare, il gas naturalegas naturale
    Idrocarburo che ha un’origine simile al petrolio, che si forma a partire dalla decomposizione anaerobica (cioè in assenza di ossigeno (O2) di microorganismi, attraverso processi biologici avvenuti nel corso delle ere geologiche. La composizione del gas naturale varia notevolmente a seconda del sito di formazione, ma in genere presenta un’alta percentuale di metano (dal 70 al 95 %), anidride carbonica (CO2), azoto (N2) e idrogeno solforato (H2S).
    , il carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    pulito e le rinnovabili
    “.

    Competitività, sicurezza e tutela dell’ambientetutela dell’ambiente
    Insieme di misure legali volte alla protezione dell’ambiente naturale da fenomeni di inquinamento o supersfruttamento. Le crescenti preoccupazioni per la salvaguardia dell’ambiente, infatti, hanno portato alla formulazione di apposite leggi in diversi settori (per esempio nell’agricoltura, nell’industria, nei trasporti, nell’edilizia, ecc…) e all’elaborazione di normative di contenimento dell’impatto ambientale. Anche a livello internazionale sono state adottate diverse convenzioni per limitare le alterazioni dell’ambiente globale (surriscaldamentosurriscaldamento
    Raggiungimento di temperature critiche.
    , buco dell’ozono,ecc …) e tutelare le diversità biologiche. Ne sono un esempio le conferenze delle Nazioni Unite inaugurate nel 1972 a Stoccolma e culminate nel Vertice mondiale su Ambiente e sviluppo di Rio de Janeiro del 1992 (vedi UNCED e Agenda 21).
    sono caratteristiche del nucleare troppo spesso trascurate o addirittura ignorate nel dibattito pubblico. E l’appuntamento palermitano del road show ha dato l’occasione per rimettere al centro della discussione anche questi aspetti. “In Italia c’è scetticismo da parte della gente – ha detto Laura Giovannini, responsabile della Comunicazione nucleare Enel – che, spaventata, vede nel nucleare il mostro da cui difendersi. Ma questo è il prodotto di una sbagliata informazione che non rende giustizia sui benefici di questo tipo di energia e sulla sicurezza degli impianti“.

    Giovannini ha affermato che per i sondaggi più recenti “il 30% della gente è del tutto contraria alle centrali nucleari, mentre i ‘possibilisti’, quelli che ne riconoscono l’utilità ma non vorrebbero i reattori ‘nel giardino di casa’, sono il 60%“. Per questo informare e spiegare con trasparenza cosa rappresenta un impianto diventa quindi decisivo per dare alle persone gli elementi necessari ad un giudizio obiettivo

    Comunicato stampa ENEL, 12/11/2010

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button