NewsFossiliPetrolioStakeholder energiaMise - Min.sviluppo Economico

Petrolio: Saglia, aumento di produzione nazionale coprirebbe 10% fabbisogno per prossimi 30 anni

    Roma, 29 giugno 2011. “L’aumento di produzione nazionale di greggiogreggio
    Petrolio estratto che non ha ancora subito un processo di raffinazione.
    porterà per i prossimi 30 anni a una riduzione di circa il 10% del nostro fabbisogno dall’estero, pagato in valuta. Si avrebbe così un cospicuo risparmio in bolletta”. Così Stefano Saglia replica alle esternazioni di Legambiente contro i programmi di prospezione sismica per l’individuazione e la valorizzazione di giacimenti sottomarini di idrocarburiidrocarburi
    Composti chimici formati da carbonio e idrogeno che costituiscono il petrolio e il gas naturale. Esistono diverse classificazioni degli idrocarburi a seconda dei legami chimici presenti nelle molecole.
    .

    Il sottosegretario sottolinea come “la ricerca petrolifera nei mari italiani è ferma. Negli ultimi 2 anni non sono stati realizzati pozzi di ricerca. Ci sono molte domande da parte di diversi operatori che finora non hanno ricevuto alcuna autorizzazione anche in conseguenza del nuoco codice ambientale”.

    “Mi preme sottolineare – continua Saglia – che è del tutto strumentale, il legame tra gli spiaggiamenti di cetacei in Puglia e le operazioni sismiche ed oceanografiche di cui parla Legambiente. Di fatto non esiste nessuna evidenza e inoltre non erano in corso attività di questo tipo quando sono stati rinvenuti i corpi dei cetacei sulle coste pugliesi”.

     

    Fonte: MSE, 29/06/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button