NewsEnergia & MercatoMercato & BolletteRinnovabiliFotovoltaicoStakeholder energiaAssosolareAper

PRIMO CONTO ENERGIA: NO A TAGLI RETROATTIVI DELLE TARIFFE

    Milano, 4 aprile 2013 – In applicazione della decisione n. 9/2012 del Consiglio di Stato in adunanza plenaria, il GSE ha comunicato recentemente la cancellazione dell’adeguamento Istat delle tariffe relative agli impianti fotovoltaici entrati in esercizio con il Primo Conto EnergiaConto Energia
    Il Conto Energia è una forma di incentivazione statale a sostegno della produzione di energia elettrica da impianti fotovoltaici.
    Entrato in vigore con il Decreto Ministeriale del 19 Febbraio 2007, consiste nell’attribuzione di una tariffa incentivante, proporzionale all’energia prodotta, in base alla tipologia di impianto (non integrato architettonicamente, parzialmente integrato, integrato). Le tariffe vengono corrisposte per un periodo di 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto e rimangono costanti per l’intero periodo.
    (Dm 28 luglio 2005).

    Riteniamo che si tratti di una decisione profondamente errata: l’operazione interpretativa del Consiglio di Stato (adottata nonostante due sentenze del TarTar
    Residuo pesante derivante dalle operazioni di raffineria, particolarmente ricco di zolfo e molto viscoso.
    Lombardia e dello stesso Consiglio di Stato, di segno opposto) ha per effetto una sensibile riduzione retroattiva dei ricavi attesi che erano stati assunti nei business plan degli investitori. Misure simili sono anche state adottate da Spagna, Repubblica Ceca e Bulgaria.

    La Commissione Europea, che proprio in questi giorni ha intrapreso un importante percorso di consultazione pubblica in merito alle traiettorie di sviluppo delle rinnovabili al 2030, non potrà rimanere in silenzio davanti ai gravissimi effetti prodotti da tali provvedimenti, che vanno a pregiudicare seriamente la fiducia degli investitori, già minata dai continui e repentini mutamenti normativi, e rischiano, di conseguenza, di mettere in serio pericolo lo sviluppo delle energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    e il raggiungimento degli obiettivi definiti dal Pacchetto Clima-EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    del 2009
    .

    Fonte: APER – ASSOSOLARE

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button