NewsNucleareStakeholder energiaEnea

Qualificare le imprese italiane nell’industria elettrica-nucleare

    Milano, 2 luglio 2010 – Attualmente nel mondo sono in fase di progettazione e costruzione 50 nuovi impianti elettronucleari; altri 60 saranno avviati nei prossimi anni. Oltre cento gli imprenditori di medie imprese interessati a diventarne fornitori. Un’opportunità straordinaria per l’industria nazionale, assai qualificata e competente per lavorazioni di alta precisione e qualità.

    In Italia esistono laboratori ed enti di ricerca in grado di accompagnare le aziende nei percorsi di formazione e certificazione delle proprie attività ed avvicinarle alle grandi industrie internazionali che oggi realizzano i reattori nucleari e alle UtilityUtility
    Azienda che si occupa della forniutura di beni o servizi di pubblica utilità come ad esempio energia elettrica, gas e acqua.
    che le commissionano.

    Se ne è parlato oggi al Politecnico di Milano, nel seminario “NucleareNucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    : qualifica delle imprese
    “, organizzato da ENEA e dalla Fondazione EnergyLab.

    Il Commissario dell’ENEA Giovanni Lelli ha evidenziato che “nel suo ruolo di Agenzia, l’ENEA e le proprie partecipate mettono a disposizione delle imprese operanti nel settore nucleare le proprie competenze e i propri impianti sperimentali, alcuni dei quali sono unici in Italia e tra i pochi in Europa, per la qualificazione dei sistemi e dei componenti; come previsto dalla normativa le relative prove sono indispensabili per l’utilizzo di tali sistemi e componenti nella realizzazione in sicurezza delle centrali nucleari.”

    Il Presidente di Energy Cluster e Coordinatore del Club dei 15 di Confindustria Alberto Ribolla, ha sottolineato che “L’impiantistica italiana è di assoluta eccellenza e tramite la qualificazione delle sue imprese può e deve essere in grado di cogliere le opportunità del mercato nazionale ed internazionale. Le Aziende – ha aggiunto – sono pronte ad investire sul processo di qualificazione e certificazione nucleare”.

    A tal proposito Marco Ricotti, docente di impianti nucleari al Politecnico di Milano e componente del Comitato Scientifico di EnergyLab, ha descritto il nuovo laboratorio del Dipartimento di EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    nel campus di Bovisa per un investimento di oltre 12 milioni di euro”.

    L’opzione nucleare – ha concluso il Sottosegretario al Ministero per lo Sviluppo Economico Stefano Saglia – consentirà al nostro Paese di produrre energia elettricaenergia elettrica
    Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all’energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
    a costi bassi e stabili. Inoltre, una volta in produzione, permetterà di bilanciare gli incentivi a quelle fonti rinnovabilifonti rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    che non avranno ancora raggiunto le condizioni di equilibrio economico al di fuori del sistema di incentivi pubblici”

    Comunicato stampa ENEA del 02/07/2010

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button