NewsRiciclo & Rifiuti

Riciclo: Italia al terzo posto in Europa per l’utilizzo della carta riciclata

Nel 2018 oltre 56 kg/ab di carta e cartone sono stati raccolti sul territorio nazionale, un aumento complessivo del 4% rispetto al 2017.

    Durante il seminario “La Bioeconomia circolare nella filiera della carta organizzato dal comitato scientifico di Ecomondo, Comieco, Assocarta, Assografici e Unirima. tenutosi il 8 novembre scorso nell’ambito dell’evento ECOMONDO di Rimini, sono emersi dati interessanti sull’economia circolare nella filiera cartaria e sull’importanza della qualità della raccolta differenziata della carta e del cartone.

    La carta in realtà è un biomateriale che la filiera produttiva riesce a riciclare con un tasso di circolarità del 55%, posizionandosi al terzo posto in Europa. Il settore imballaggi ne rappresenta l’eccellenza con un tasso di riciclo del 80%.

    A fronte degli oltre 5,5 milioni di tonnellate di carta realizzate con carta da riciclare, ogni anno vengono anche prodotte 300 mila tonnellate di scarti di riciclo (in un rapporto di 1:17) che andrebbero recuperate mediante termovalorizzazione. Tuttavia, esiste un solo impianto dedicato in Umbria, mentre un secondo impianto sito in Lombardia non viene utilizzato in maniera costante” spiega Massimo Medugno – DG Assocarta – “mentre recuperare energia da tutti gli scarti significherebbe chiudere il ciclo del riciclo e ridurre l’impiego di fonti fossili” (Fonte: Rapporto Ambientale Assocarta).

    “Nel 2018 sono state 3,4 milioni (oltre 56 kg/ab) le tonnellate di carta e cartone raccolte sul territorio nazionale, con un aumento complessivo del 4%, pari a + 127.000 tonnellate, rispetto al 2017, distribuito in tutte e tre le macro aree con particolare evidenza al Sud e al Nord” afferma Carlo Montalbetti – DG Comieco.

    Alla base di questi progressi non c’è solo una crescente consapevolezza dei cittadini sulla necessità di tutelare l’ambiente grazie alla raccolta diversificata ma anche un efficace sistema di gestione efficace che Comieco è stato in grado di implementare sul territorio per il ritiro ed il riciclo degli imballaggi. (Fonte: 24° Rapporto Comieco): la carta destinata al riciclo (6,6 milioni di tonnellate) viene attentamente selezionata dagli aderenti all’ Unione Nazionale Imprese Recupero e Riciclo Maceri (UNIRIMA) in modo da garantire carta qualitativamente valida, in linea con i criteri previsti dalla n ormativa europea.

    L’intero settore – spiega Francesco Sicilia, DG Unirima – conta circa 600 impianti di recupero/riciclo ai quali vengono conferite le raccolte differenziate di carta e cartone provenienti sia dai Comuni (rifiuti urbani) che da attività commerciali, artigianali, industriali e terziarie (rifiuti speciali). Un sistema impiantistico capillare e diffuso, i 348 ricevono carta e cartone dalla raccolta differenziata dei Comuni hanno infatti una distanza media dai bacini di raccolta di 16,6 Km. Un comparto storico dell’industria “green” italiana che è fin dalla sua origine un perfetto esempio di economia circolare: dai rifiuti di carta e cartone alla materia prima secondaria destinata alle cartiere”.

    Ulteriori impianti per il riciclo sono possibili ma a fronte di un numero maggiore anche di scarti che richiederebbero a loro volta (gli scarti del riciclo sono a tutti gli effetti dei rifiuti)  nuovi impianti di trattamento a livello regionale, al momento difficili da realizzare per carenza di programmazione e difficoltà di ottenimento delle autorizzazioni.

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button