NewsRiciclo & RifiutiNews: Riciclo e rifiuti

Rifiuti: Aumenta la raccolta dell’organico, diminuisce la produzione totale di rifiuti

Il Rapporto Rifiuti Ispra 2018 fornisce un quadro sulla situazione in Italia della raccolta differenziata dei rifiuti organici

    Nel corso del 2017 sono state raccolte 6,6 milioni di tonnellate di rifiuti organici da raccolta differenziata, in aumento del +1,6% rispetto all’anno precedente. I dati sono stati raccolti ed elaborati dal CiC (Consorzio Italiano Compostatori) e presentati nel “Rapporto Rifiuti Ispra 2018“.

    La frazione dei rifuti organici (umido e verde) detiene la maggior quota, pari al 40,3%, per quanto riguarda la raccolta differenziata; in linea generale è stata registrata una diminuzione della produzione di rifiuti nel nostro paese, pari al -1,7% (29,6 milioni di tonnellate totali prodotte).

    Andamento produzione rifiuti urbani (Fonte: ISPRA)

    I rifiuti organici procapite sono aumentati dai 107 kg. del 2016 ai 108 kg del 2018: nel Nord Italia sono stati raccolti 127 kg per abitante, nel Centro Italia 114 kg  e nel Sud Italia 83 kg.

    La Lombardia si conferma come regione più virtuosa, in termini di quantità di frazione organica raccolta, con 1,2 milioni di tonnellate raccolte nel 2017; al secondo posto di questa classifica troviamo il Veneto con 764.000 tonnellate, seguito da Emilia Romagna con 708.000 tonnellate e Campania con 678.000 tonnellate. Segnali positivi sono stati registrati sia nel Lazio che in Sicilia, regioni in cui la raccolta della frazione organica ha visto un aumento rispettivamente di 27.000 tonnellate e 67.000 tonnellate.

    Produzione procapite rifiuti urbabi per regione nel 2017 (Fonte: ISPRA)

    Interessanti i dati riguardanti la digestione anaerobica, la quale nel 2017 ha utilizzato circa il 50% della frazione umida proveniente da differenziata. Il report evidenzia come nel 2017 siano state prodotte circa 2 milioni di tonnellate di compost (dall’organico), suddivisi per il 64% da compostaggio e per il 35% da digestione anaerobica. Questi dati hanno consentito lo stoccaggio nel terrendo di circa 600.000 tonnellate di sostanza organica contribuendo al risparmio di 3,8 milioni di tonnellate di CO2. Infine si segnala come nel 2017 siano anche stati prodotti 90 milioni di metri cubi di biometano.

     

    Per approfondire l’argomento: Rapporto Rifiuti Urbani Ispra 2018

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button