NewsEnergia & MercatoPolitica EnergeticaFossiliTecnologie TermoelettricheTermovalorizzazioneRiciclo & Rifiuti

RIFIUTI: UN TABU’ TUTTO ITALIANO

    di Alessandro Beulcke, Presidente Aris – Festival dell’EnergiaEnergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)

    L’ultima novità arriva dal nord Europa. Nel 2016 a Copenaghen sarà inaugurato il termovalorizzatore progettato da Bjarke Ingels, architetto giovane, famoso e pluripremiato. Ma la novità è che su quel termovalorizzatore – Amager Bakke – la gente andrà a sciare.

    Sì, perché il progetto prevede la realizzazione sul tetto di un impianto a 3 piste – di cui una nera – che si estenderanno su una superficie totale di 31mila mq. E mentre la gente si divertirà sciando, l’impianto funzionerà e produrrà energia dai rifiuti prodotti dalla città: la capacità prevista è di 418mila tonnellate, abbastanza per riscaldare circa 140mila appartamenti.

    Una pacchia per gli amanti dello sci e una riprova, se ancora ce ne fosse bisogno, del gap culturale che ci separa dal nord Europa. Potremmo aggiungerne altri, di esempi. Potremmo citare il caso delle due cittadine svedesi, Oskarshamn e Östhammar, che si sono contese, per sette anni, la possibilità di ospitare il deposito delle scorie nucleari dei 10 reattori attivi in Svezia.

    I numeri in Europa

    O potremmo raccontare come funziona il quartiere di Hammarby Sjöstad, a Stoccolma, che ha messo a punto un sistema di gestione dei rifiuti così raffinato, coerente, radicale, che parte dalla raccolta differenziataraccolta differenziata
    Raccolta di rifiuti raggruppati per tipologia (per esempio, carta, vetro, plastica) al fine di riciclarli rendendo più facile lo smaltimento e valorizzando il rifiuto stesso come materia prima. Ogni Comune stabilisce le modalità di raccolta.
    e arriva alla termovalorizzazionetermovalorizzazione
    Processo di combustione dei rifiuti da cui è possibile recuperare energia. I termovalorizzatori, infatti, sono impianti di generazione elettrica che, sfruttando la cogenerazione, possono essere abbinati anche a sistemi di teleriscaldamento. Il ciclo di potenza rimane sostanzialmente simile a quello di generazione elettrica a partire da altri combustibili.
    e al recupero dei liquamiliquami
    Materiale derivante dalla putrefazione di sostanze organiche e inorganiche, che, in taluni casi, può costituire una risorsa energetica (per esempio i rifiuti di origine zootecnica).
    domestici, da diventare di fatto energeticamente autonomo, affiancando a tutto questo la produzione di energia idroelettrica e solare. Potremmo più semplicemente citare il numero di termovalorizzatori in funzione in Europa. Secondo lo studio realizzato nel 2012 da Frost & Sullivan, l’anno scorso erano 480 gli impianti in funzione nei Paesi europei, per lo più di capacità media, con un input di 39,4 Mt di rifiuti solidi urbani. La sola Germania smaltisce attraverso la termovalorizzazione oltre il 50% dei rifiuti prodotti.

    Italia vs Nord Europa

    Che cosa separa l’Italia dal nord Europa, dove vediamo realizzati i sistemi più avanzati di gestione del ciclo dei rifiuti? Il gap è tutto culturale: ci separano tonnellate e tonnellate di cultura e informazione. Il contesto normativo in cui questi Paesi si muovono, infatti, è lo stesso cui facciamo riferimento noi: è l’Europa a indicare limiti delle emissioni, procedure, modalità di trattamento. Le tecnologie impiegate sono quelle che le nostre stesse multiutilities utilizzano, su cui sappiamo fare ricerca ad alto livello, di cui possediamo know how e competenze. Non c’è scarto su questi fronti: stesso orizzonte e stesse tecnologie.

    Un gap di cui Davide Tabarelli, economista esperto di energia, rende evidente l’entità economica in un articolo appena pubblicato su L’Astrolabio, newsletter dell’associazione ambientalista Amici della TerraAmici della Terra
    Associazione ambientalista presente in Italia dal 1978 che costituisce la rappresentanza italiana di Friends of the Earth International.Gli Amici della Terra promuovono azioni di educazione al rispetto verso l’ambiente, sostenendo iniziative sul territorio affinchè i governi e le istituzioni sovranazionali adottino politiche di sviluppo sostenibile.
    .  “E’ difficile trovare nella teoria e nella pratica un fallimento più clamoroso dello spreco che l’Italia ogni anno fa buttando in discarica 17 milioni di tonnellate di rifiuti urbani, un po’ più della metà di quanti ne produce. Da una parte si aggrava il problema delle discariche, che nessuno vuole e, dall’altra, si buttano enormi quantità di energia contenuta nei rifiuti”, afferma Tabarelli nell’articolo. “Alle stime economiche degli sprechi e dei danni, va aggiunto il costo di mantenimento delle discariche: anche qui, in maniera più rozza, è possibile stimare per i rifiuti smaltiti in discarica un costo di circa 100 euro per tonnellata, per un onere complessivo di 1,7 miliardi di euro, che porta il costo complessivo oltre i 4 miliardi di euro. Gli altri costi sociali e ambientali delle discariche sono più difficili da quantificare, ma sono sotto gli occhi di tutti”. Usare l’energia che i rifiuti contengono nei termovalorizzatori, nei cementifici o nelle centrali a carbonecarbone
    Il carbone è una roccia sedimentaria composta prevalentemente da carbonio, idrogeno e ossigeno. La sua origine, risalente a circa 300 milioni di anni fa, deriva dal deposito e dalla stratificazione di vegetali preistorici originariamente accumulatisi nelle paludi. Questo materiale organico nel corso delle ere geologiche ha subito delle trasformazioni chimico-fisiche sotto alte temperature e pressioni. Attraverso il lungo processo di carbonizzazione questo fossile può evolvere dallo stato di torba a quello di antracite, assumendo differenti caratteristiche che ne determinano il campo d’impiego.
    I carboni di formazione relativamente più recente (ovvero di basso rango) sono caratterizzati da un’elevata umidità e da un minore contenuto di carbonio, quindi sono ‘energeticamente’ più poveri, mentre quelli di rango più elevato hanno al contrario umidità minore e maggiore contenuto di carbonio.
    , potrebbe per il nostro Paese, da sempre alle prese con il problema della sicurezza energetica, un atout non da poco, anche in termini di capacità di stare sul mercato. 

    Perché in Italia si protesta

    Eppure, in Italia i termovalorizzatori, e ogni impianto che abbia a che fare con i rifiuti, sono stabilmente in vetta alla classifica degli impianti più contestati. I dati delle diverse edizioni dell’Osservatorio Nimby Forum, che monitora proprio le contestazioni territoriali alla realizzazione di impianti infrastrutturali di vario genere, registrano un trend negativo costante: il 28% circa degli impianti oggetto di contestazioni riguardano proprio il trattamento dei rifiuti. Il più delle volte si tratta di proteste dal carattere ideologico, fondate su pregiudizi e su informazioni confuse, contraddittorie, quando non palesemente sbagliate, messe insieme navigando in rete, senza avere la capacità di valutare e discernere tra fonti e attendibilità delle informazioni, senza che al progetto specifico, ai dati tecnici e alle valutazioni degli esperti sia dato non solo credito, ma perfino semplicemente ascolto. Insomma, un caotico patchwork d’informazioni tenuto insieme da una profonda mancanza di fiducia e dalla paura. Colmare questa distanza è ormai una priorità.

    Per una buona politica di gestione dei rifiuti

    La radicalità e l’importanza di questo divario devono impegnare tutti noi, e devono impegnare il Paese, in un’azione sistematica, accurata, duratura e responsabile di informazione e di alfabetizzazione sul tema della gestione dei rifiuti. E di come proficuamente questa possa essere integrata in una corretta politica di sostenibilità ambientale. Non c’è, infatti, contraddizione: applicare un concetto avanzato di difesa dell’ambiente significa coniugare sviluppo economico, qualità della vita, innovazione. E come dimostra Ingels, creatività. Ogni realistica politica di gestione dei rifiuti parte dalla constatazione di un dato evidente: i rifiuti non smetteremo di produrli. Per questo, il modo migliore per venire a patti con questa caratteristica intrinseca al nostro sistema produttivo ed economico è trasformare il rifiutorifiuto
    Secondo quanto definito nel decreto legislativo n.22 del 5 febbraio 1997 il rifiuto è una sostanza o un oggetto di cui il detentore decida o sia obbligato a disfarsi”. I rifiuti possono essere classificati in diversi modi, per esmpio in base all’origine oppure in base alla pericolosità.
    in risorsa: riducendo la quantità di rifiuti, riciclando quanto è possibile, recuperando energia. Una politica coerente di gestione dei rifiuti comincia a monte, intervenendo con una legislazione attenta sulla produzione dei rifiuti, e prosegue con una raccolta differenziata capillare e informata, favorendo anche sistemi di riutilizzoriutilizzo
    Qualsiasi operazione nella quale il materiale, concepito e progettato per poter compiere, durante il suo ciclo di vita, un numero minimo di spostamenti o rotazioni è riusato di nuovo o reimpiegato per un uso identico a quello per il quale è stato concepito.
    e recupero. Culmina poi nella termovalorizzazione (in cui giunge, a questo punto, soltanto una parte residuale di rifiuti, quelli che non possiamo utilizzare in altro modo), grazie alla quale dal residuo del rifiuto traiamo tutta l’energia che ancora contiene, e si chiude con la discarica. Ma la priorità su cui devono convergere gli sforzi di tutti deve essere questa: ridurre drasticamente la quantità di rifiuti che finiscono in discarica. Eppure questo ciclo virtuoso, disegnato chiaramente dalla direttiva europea Waste framework directive (2008/98/EC), non è così chiaro nelle sue prerogative, nelle sue stringenti regole interne, non è patrimonio comune e soprattutto, in Italia, non è condiviso come valore.

    Recuperare questo gap è possibile

    Occorre mettere a punto un’azione di comunicazione congiunta che impegni responsabilmente tutti gli attori coinvolti in questo settore – imprese, istituzioni, territori – per diffondere la conoscenza sul ciclo integrato dei rifiuti e nello specifico sul funzionamento dei termovalorizzatori che sia scientificamente accurata e trasparente, attraverso un linguaggio accessibile e modalità di comunicazione semplice. Occorre agire nelle scuole e con gli adulti. Immaginare campagne di sensibilizzazione e iniziative mirate. Realizzare concorsi e stimolare la creatività e la partecipazione. Sfruttare insomma appieno il ricco e molteplice sistema mediatico, informativo e culturale di cui la nostra società dispone, per raggiungere con contenuti specifici tutti i target necessari. La comunicazione è un’empty box, una scatola vuota che va riempita di contenuti. Scatola che – imprudentemente va detto – spesso viene lasciata vuota proprio da chi questi contenuti li possiede, consentendo così che a riempirla siano soggetti non sempre qualificati o attendibili, quando proprio non in malafede. Se vogliamo recuperare un altro spread che ci separa dal nord Europa, la scatola va riempita. Rapidamente.

    Fonte: http://www.festivaldellenergia.it/energia/rifiuti-un-tabù-tutto-italiano

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button