NewsRinnovabiliStakeholder energiaTerna

Rinnovabili, firmato a Bruxelles un nuovo progetto

    L’accordo prevede la produzione di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    in Africa da esportare in Europa

     

    Un accordo storico per il settore delle energie rinnovabilienergie rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    è stato firmato infatti nei giorni scorsi a Bruxelles tra il Consorzio privato europeo Dii (Desertec Industrial Initiative), di cui sono soci 21 imprese europee (per l’Italia Terna, Enel Green Power e Unicredit), e Medgrid, che riunisce gestori di reti di trasporto di elettricità di diversi Paesi europei, ed è responsabile della creazione delle connessioni sottomarine. In sostanza sulla base di questa intesa si dà il via ad un ambizioso progetto di energia rinnovabile nel Maghreb e in Medio Oriente da esportare in Europa.

    Si tratta di una iniziativa unica nel suo genere, visto che finora gli unici progetti concreti di impianti solari riguardavano Marocco ed Egitto. L’obiettivo del progetto, del valore di diversi miliardi di euro, è di coprire il 15% della richiesta europea di elettricità entro il 2050. La rete di interconnessione dovrebbe cominciare a funzionare a partire dal 2020.

    La firma dell’intesa ha ricevuto il plauso del Commissario Ue all’Energia, Gunther Oettinger. “Ora c’è una prospettiva concreta – ha sottolineato Oettinger – per una produzione di solare ed eolico a beneficio comune dei cittadini europei, del Nord Africa e del Medio Oriente”. In questo contesto l’Italia si pone come hub energetico naturale, come ha sottolineato André Merlin, presidente di Medgrid, che include vari operatori delle reti europee, tra cui appunto Terna.

     

    Fonte: Terna, 29/11/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button