NewsRinnovabiliSolare TermodinamicoStakeholder energiaOrizzontenergia.itEneaNews: Solare termodinamico

Rinnovabili: Il primo impianto solare termodinamico dell’ENEA in Africa del Nord

    Nella struttura della ‘Città della Scienza e della Tecnologia’ di Borg-el-Arab, lontana 40 chilometri da Alessandria d’Egitto, è stato inaugurato il primo impianto solare termodinamico con tecnologia ENEA alla presenza di varie autorità italiane ed egiziane.

    18 specchi parabolici sistemati in un area di 10,000 metri quadri – pari a circa due campi da calcio – raccolgono i raggi solari per fornire:

    • 1 MW elettrico
    • 5 MW termici ad alta temperatura
    • 250 metri cubi/giorno di acqua dissalata.

    Gli specchi sono larghi 100 metri e sfruttano la tecnologia progettata dal nostro premio Nobel Carlo Rubbia e sviluppata dall’ENEA: sali fusi alla massima temperatura di 550°C come fluido di processo e la possibilità di stoccaggiostoccaggio
    Attività di raccolta e deposito di una determinata risorsa. 
    termico per fornire energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    anche quando il meteo non lo consentirebbe.

    MATS solare termodinamicoL’impianto è stato realizzato dal consorzio  MATS (Multipurpose  Applications by Thermodynamic Solar) e costituito, oltre che dall’ENEA, da centri di ricerca tedesco Fraunhofer, francese CEA, egiziani NREA e ASRT, l’ università inglese di Cranfield e membri industriali come le aziende italiane Archimede Solar Energy e Maire Tecnimont KT  ed egiziane come Delft Environment e Orascom Construction Industries.

    Lo scopo finale non è solo di fornire energia a circa 1,000 abitanti ma – come espresso dal coordinatore del progetto Alberto Giaconia – creare un hub tecnologico, consolidare la cooperazione fra l’Europa e il Sud Mediterraneo e diffondere il progetto in altri paesi del Nord Africa e Medio Oriente.

     

    Orizzontenergia

     

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button