NewsRinnovabiliStakeholder energiaAnev

Rinnovabili, l’Italia cambi marcia per il nostro bene

    di Simone Togni

    Come noto quella che stiamo vivendo è una situazione difficile sia da un punto di vista economico-finanziario sia da un punto di vista sociale, nella quale la ridottissima disponibilità di risorse economiche lascia anche agli esecutivi più coraggiosi pochi spazi di manovra per investire in crescita, rilancio industriale e sostegno alle aziende. In questo contesto si inserisce l’urgente e necessaria definizione del quadro normativo che il settore delle Fonti RinnovabiliFonti Rinnovabili
    Una risorsa è detta rinnovabile se, una volta utilizzata, è in grado di rigenerarsi attraverso un processo naturale in tempistiche paragonabili con le tempistiche di utilizzo da parte dell’uomo. Sono considerate quindi risorse rinnovabili:
    – il sole
    – il vento
    – l’acqua
    – la geotermia
    – le biomasse
    attende da tempo, e che dovrà consentire, questo dice la Direttiva Comunitaria sulle rinnovabili, di rimuovere ogni tipo di ostacolo ancora esistente al raggiungimento dell’Obiettivo al 2020.

    Ricordiamo infatti che l’Italia, come tutti gli altri Paesi Europei, ha volontariamente assunto come proprio obiettivo vincolante al 2020 di coprire almeno il 17% dei consumi energetici con fonti rinnovabili di energiaenergia
    Fisicamente parlando, l’energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L’unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
    contro una media comunitaria del 20%.

    Il motivo per il quale i trattati internazionali, quelli comunitari e le normative nazionali assumono come necessario l’impegno dei singoli stati a sostenere tali fonti di energiafonti di energia
    Sorgenti di energia o sostanze dalle quali può essere prodotta energia utile direttamente o dopo trasformazione. Le fonti di energia possono essere classificate in diversi modi a seconda del contesto di riferimento: risorse esauribili (principalmente petrolio, gas naturale, carbone, legna); risorse rinnovabili (tutte quelle derivanti direttamente o indirettamente dall’energia solare, dal calore endogeno terrestre e dalle maree); risorse primarie (utilizzabili direttamente come si trovano in natura: petrolio, carbone, gas naturale, legna); risorse secondarie (in cui l’energia deriva dalla trasformazione dell’energia primaria in altra forma di energia, ad esempio idroelettrico, energia elettronucleare eccetera); risorse commerciali ( ovvero soggette a transazioni commerciali e quindi facilmente quantificabili, derivanti da quattro tipi principali di fonti: carbone, petrolio, gas naturale, elettricità primaria); risorse non commerciali (non soggette a transazioni commerciali: ad esempio residui di coltivazioni, legna di sottobosco eccetera nei Paesi in via di sviluppo; sebbene assenti dal commercio internazionale in alcuni Paesi rivestono grande importanza); risorse tradizionali (derivanti da prodotti vegetali o animali: legna, carbone di legna, torba, sterco essiccato).
    , è abbastanza facile da capire, infatti se è vero che queste tecnologie sono più care se confrontate con i medesimi criteri utilizzati per calcolare il costo di quelle tradizionali, valutando anche quelli che sono i costi esterni e quello che vorrei chiamare il valore intrinseco di queste tecnologie, la questione cambia.

    Infatti chi di noi potrebbe dare una quantificazione all’essere energeticamente autosufficienti? Quanto vale la riduzione in Euro della bilancia commerciale del nostro Paese per i milioni di barili di petroliopetrolio
    Combustibile di colore da bruno chiaro a nero, costituito essenzialmente da una miscela di idrocarburi. Si è formato per azioni chimiche, fisiche e microbiologiche da resti di microorganismi (alghe, plancton, batteri) che vivevano in ambiente marino addirittura prima della comparsa dei dinosauri sulla terra. I principali composti costituenti del petrolio appartengono alle classi delle paraffine, dei nafteni e degli aromatici, che sono composti organici formati da carbonio e idrogeno e le cui molecole sono disposte secondo legami di varia natura.
    non importati? Cosa saremmo disposti a offrire per non rischiare più di dover restare al buio per la decisione di qualcun altro che decide di chiudere un tubo? Si può quantificare il costo in termini di vite umane e di qualità della vita collegato all’emissioneemissione
    Qualsiasi sostanza solida, liquida o gassosa introdotta nell’atmosfera a seguito di processi naturali o antropogenici, che produce direttamente o indirettamente un impatto sull’ambiente.
    di inquinanti emessi dalle fonti fossili? Tutte domande scomode, soprattutto per chi si è convinto per decine e decine di anni che quella era l’unica strada, che chi parlava di rinnovabili era naif, vetero-ambientalista o solo un visionario.

    Oggi è cambiato ogni schema, e la grande sovraccapacità del nostro Paese in termini di offerta elettrica, potrebbe essere giocata dal nostro Paese in modo strategico, prevedendo fin d’ora un periodo di sofferenza, quale è oggi, che però si potrebbe trasformare in strategia vincente nel medio periodo. Ipotizziamo infatti che dalla Libia arriveranno nel futuro meno materie prime, che per gli approvvigionamentoapprovvigionamento
    Insieme di attività finalizzate al reperimento dei quantitativi materie prime necessarie allo svolgimento delle attività economico-produttive di un Paese consumatore.
    di gas dalla Russia permangano gli attuali rischi che generano incertezza sulla stabilità delle forniture del gas, che l’uscita della Germania e, seppur più avanti, della Francia dal nuclearenucleare
    Forma di energia derivante dai processi che coinvolgono i nuclei atomici (fissione e fusione).
    civile determini un significativo calo della produzione elettrica in quei Paesi e quindi l’impossibilità di importare energia come oggi facciamo.

    A questo contesto, non troppo irreale, dovremmo sommare l’instabilità complessiva dell’area mediorientale, la crescita dei consumi energetici della Cina e dell’India, e il quadro che si delinea è estremamente più complesso, e dovrà ridefinire i canoni stessi che sono alla base delle politiche energetiche.Infatti non potrà essere il mercato, o solo il mercato a regolare questa transizione, perché di transizione si parla, ma la carenza stessa dell’energia diventerà elemento strategico slegato da valutazioni economiche, e questo significherà che l’indipendenza energetica è il primo elemento strategico di politica energetica che un Governo illuminato dovrebbe voler raggiungere.

    In questo contesto di medio-lungo periodo tuttavia ci troviamo oggi a dover fare fronte alle criticità che l’attuale situazione economico- finanziaria ci impone, con l’esito che queste tecnologie non solo non vengono sostenute, ma si decide con una decisione completamente ottusa, di caricare sulle Fonti Rinnovabili una nuova tassa del 10,5% di valore, che comporterà danni irreparabili, bloccando definitivamente i nuovi investimenti.

    Come se ne esce? L’unica strada possibile oggi è quella di rivedere complessivamente tutto il sistema degli incentivi, dei meccanismi di definizione degli stessi, della gestione dei flussi fisici di energia, delle possibili alternative derivanti da sistemi innovativi come gli accumuli, e rendendo efficienti i sistemi autorizzativi e gestionali per i nuovi impianti.

    Per quanto riguarda gli incentivi un passaggio dei meccanismi di sostegno dalla produzione alla realizzazione potrebbe meglio coniugarsi con le attuali situazioni di crisi delle banche e dei mercati, così da permetterne anche una loro più agevole ed automatica parametrazione ai veri costi della tecnologia, consentendone un adeguamento rapido in salita o in discesa onde evitare il ripetersi di situazioni incontrollate come per il fotovoltaico.

    Altro aspetto centrale che servirebbe rapidamente definire, è legato alla necessità di una drastica semplificazione autorizzativa che contribuirebbe molto a avvicinare i costi nazionali autorizzativi a quelli europei, e conseguentemente di riordinare gli incentivi, meglio se affiancato da uno sviluppo importante e mirato delle infrastrutture energetiche nazionali che consentirebbe un ben più efficiente sfruttamento delle risorse rinnovabili, e non, del nostro Paese.

    Come evidente quindi una riorganizzazione complessiva del sistema sembra necessaria, ma sarebbe indispensabile che fosse finalmente organica e adeguatamente costruita al fine di porre mano complessivamente al comparto elettrico con competenza e, soprattutto, con una visione di medio-lungo periodo, fatta per il bene comune e non per qualche meschino interesse particolare.

    Bisogna quindi lavorare sulle regole e sugli scenari, liberando tutte le risorse e aumentando la concorrenza, eliminare i costi inutili, le farraginosità, riducendo sensibilmente gli sprechi.

    In poche parole fare una drastica operazione di efficientamento del sistema da cui ne trarrebbero beneficio innanzitutto gli operatori seri, nazionali e non, e quindi tutto il sistema che solo così potrebbe in pochi anni portare l’Italia dove comunque dobbiamo arrivare se vogliamo continuare a crescere, e cioè a non dover essere dipendente energeticamente per il futuro da Paesi terzi.

    Per fare ciò servirebbe finalmente anche nel nostro Paese un Ministero dell’Energia, che possa affrontare organicamente un percorso necessario oggi più che mai, nel frattempo ci accontenteremmo di avere se non nei tempi previsti dalla legge che sono già passati, ma almeno non troppo dopo la loro scadenza, i Decreti Ministeriali che definiscono il quadro normativo e regolatorio delle Rinnovabili per raggiungere l’obiettivo al 2020.

     

    Fonte: Anev, 22/11/2011

    Tags
    Show More

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Back to top button